Salute

La "nazionale" degli anticorpi in campo contro la COVID-19

I più potenti anticorpi selezionati nei pazienti guariti potrebbero essere clonati e usati come trattamento contro la Covid-19: è la rivisitazione di una vecchi a tecnica.

Usare, nella terapia di pazienti COVID-19, il plasma di chi è già guarito, è l'idea alla base di uno dei trattamenti sperimentali sui quali la ricerca - anche italiana - sta investendo. Ma non tutti i pazienti convalescenti hanno sviluppato anticorpi ugualmente potenti: nel tentativo di rimodulare in chiave moderna questa terapia conosciuta dalla fine del XIX secolo, un gruppo di ricercatori del Rockefeller University Hospital di New York sta cercando di selezionare i più efficaci anticorpi neutralizzanti - la crème de la crème delle difese schierate dal sistema immunitario contro il coronavirus SARS-CoV-2. L'obiettivo è arrivare a clonare queste proteine e utilizzarle contro la COVID-19, come cura o protezione.

L'ago nel pagliaio. Il progetto spiegato in un articolo su New Atlas è una sorta di caccia al tesoro a tempo: si tratta di individuare, tra i pazienti guariti da COVID-19, quelli che i medici chiamano "neutralizzatori d'élite": una minoranza di persone che hanno combattuto l'infezione talmente bene da avere anticorpi sfruttabili come terapia. Anche tra chi è guarito dalla COVID-19 è presente una grande variabilità nei livelli degli anticorpi neutralizzanti contro il SARS-CoV-2. In alcune persone sono così bassi che il plasma (la parte liquida del sangue più ricca di proteine) è praticamente inattivo; in altri invece il plasma ha un effetto neutralizzante molto potente.

Una percentuale ancora più piccola di questa minoranza, pari forse al 5% dei donatori, presenta alti livelli di anticorpi neutralizzanti assai potenti: è in questi campioni che si andrà a caccia degli anticorpi largamente neutralizzanti (bNABs), missili di precisione contro il virus che potrebbero essere clonati e somministrati sia come prevenzione per i lavoratori più a rischio, sia come terapia per i pazienti COVID.

Un approccio già noto. Per isolare le cellule immunitarie che producono i bNAbs, i ricercatori introducono una proteina virale fluorescente nel campione di sangue. Le cellule che producono i più potenti anticorpi abboccano all'amo e si mostrano. La tecnica è stata già sfruttata per sviluppare anticorpi contro altre malattie infettive dal potenziale epidemico, come la malaria, l'influenza, l'epatite, Zika, ma soprattutto l'AIDS: sono in corso i primi trial per capire se un trattamento a base di anticorpi altamente neutralizzanti possa sopprimere il virus dell'HIV nei pazienti infetti, e i primi risultati sono incoraggianti.

A che punto siamo? Isolare e clonare gli anticorpi bNAbs contro la COVID-19 è un'operazione che si può compiere in pochi giorni. Nel giro di un mese dovrebbe essere possibile ottenere le prime scorte dei più promettenti antibiotici da testare in trial clinici. L'obiettivo è arrivare a un trattamento che possa contenere i danni nei mesi che ci separano da un vaccino efficace.

24 aprile 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Perché Gesù finì sulla croce? A chi dava fastidio davvero, e di cosa fu accusato? Nella Palestina di duemila anni fa, ricostruiamo il processo che condannò alla più terribile delle pene il predicatore di Nazareth, consegnandolo per sempre alla Storia e, per i credenti, alle braccia del Padre.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello è l'organo più complesso da scoprire. Ecco le ultime rivelazioni della scienza. Inoltre: i laboratori bunker dove si manipolano i virus; tornano i supersonici per attraversare la stratosfera; quanto e come si allenano gli atleti delle Olimpiadi.  E ancora sei bugiardo o super bugiardo? Scoprilo con il test. 

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us