Salute

Una polvere per curare le ferite

Fermare in tempo un'emorragia grave può salvare una vita. I soldati statunitensi hanno in dotazione una polverina speciale che gettata sulle ferite...

Una polvere per curare le ferite
Fermare in tempo un'emorragia grave può salvare una vita. I soldati statunitensi hanno in dotazione una polverina speciale che gettata sulle ferite...

Cellule del sangue durante il processo di coagulazione al microscopio elettronico. Normalmente il sangue impiega 10 minuti a coagularsi, mentre con la polvere emostatica solo 2.
Cellule del sangue durante il processo di coagulazione al microscopio elettronico. Normalmente il sangue impiega 10 minuti a coagularsi, mentre con la polvere emostatica solo 2.

Periferia di una piccola città degli Stati Uniti: un poliziotto è in perlustrazione quando arriva una chiamata dalla centrale che lo avverte di una sparatoria poco lontano. L'agente si precipita. Una volta sul posto trova un anziano uomo su un trattore ferito a morte. Prontamente il poliziotto estrae una confezione dalla tasca e versa il contenuto sulla ferita. L'emorragia si arresta in pochi minuti e l'uomo si salva.
Non è l'inizio di un fanta-thriller, ma quello che è successo recentemente in Florida. E la polverina magica non è un'idea fantasiosa, ma un prodotto attualmente in dotazione ad alcuni dipartimenti di polizia e alla marina militare statunitense.
Rapido e indolore. Il prodotto si chiama QuikClot ed è usato soprattutto in battaglia per fermare le emorragie dei feriti più gravi, spesso salvando loro la vita. Il materiale poroso di cui è costituita la polverina assorbe l'acqua presente nel sangue, facendolo coagulare rapidamente, in 2 minuti soltanto, quando di solito ce ne vogliono più di 10.
Ma perché allora non usarlo anche nelle emergenze in ambulanza o durante operazioni chirurgiche a rischio?
Ci si può bruciare. La polverina emostatica è ancora troppo pericolosa, perché quando assorbe l'acqua rilascia una notevole quantità di calore, causando spesso ustioni di secondo grado. E gli stessi militari devono adoperarlo solo in caso di estrema necessità. Per questo i ricercatori Galen Stucky e Todd Ostomel dell'università della California in collaborazione con Z-Medica, la società che lo commercializza, stanno studiando una nuova versione del prodotto, più sicura da usare anche in ospedale o da inserire in un kit di primo soccorso per gli automobilisti.

(Notizia aggiornata al 17 marzo 2006)

17 marzo 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us