Salute

Una persona ha contratto l'influenza aviaria da bovini contaminati in Texas

Una persona che lavorava a stretto contatto con mucche da latte avrebbe contratto un sottotipo del virus dell'aviaria H5N1 da un bovino infetto.

Una persona in Texas ha contratto l'influenza aviaria dopo aver lavorato a stretto contatto con mucche da latte infettate dal virus. Lo hanno confermato i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi: il paziente (o la paziente) che ha manifestato i sintomi di una congiuntivite ed è in via di guarigione, è risultato positivo a un sottotipo del virus influenzale aviario H5N1, lo stesso che sta circolando nei volatili selvatici e da allevamento nonché in diverse specie di mammiferi di ormai quasi tutti i continenti. È la prima volta che viene documentata la trasmissione all'uomo da un altro mammifero.

L'aviaria tra i bovini. A fine marzo era stata diffusa la notizia della presenza del virus dell'influenza aviaria nelle mucche da latte di almeno cinque Stati USA, Texas, Kansas, Michigan, Nuovo Messico e Idaho. I bovini non erano considerati particolarmente a rischio e non è ancora chiaro come abbiano contratto il patogeno. In alcuni allevamenti è stata confermata la presenza di volatili morti infettati dall'aviaria; ma il virus potrebbe anche aver raggiunto le mucche attraverso le feci o altre secrezioni dei pennuti venuti in contatto con il mangime o l'acqua degli animali, o ancora attraverso animali intermedi come gatti o procioni.

Qual è il rischio per l'uomo? Il paziente lavorava a contatto diretto con alcune mucche da latte infettate dall'aviaria ed è finora l'unica persona risultata positiva al virus H5N1 su decine di pazienti sintomatici testati. L'unico disturbo manifestato dalla persona contagiata è stato un rossore agli occhi come quello da congiuntivite; dopo la conferma della positività, il paziente è stato messo in isolamento ed è guarito dopo essere stato trattato con antivirali per influenza.

L'episodio, scrivono i CDC, «non cambia la valutazione del rischio dell'influenza aviaria H5N1 per la salute umana», considerato basso. «Tuttavia, le persone con esposizioni ravvicinate o prolungate o non protette con volatili o altri animali infetti, inclusi quelli da allevamento, o che siano state in ambienti contaminati da uccelli o altri animali infetti, sono maggiormente a rischio infezione».

Come avviene la trasmissione? Le mucche potrebbero aver contratto l'aviaria in modo indipendente, oppure - eventualità preoccupante, che al momento però non può essere verificata - da altre mucche infette. Come spiegato sul New York Times, l'eventualità che il virus si trasmetta tra bovini potrebbe spiegare perché si stia muovendo così rapidamente e aprire la strada a epidemie più sostenute e su larga scala.

Potrebbe inoltre dare al patogeno più opportunità di adattarsi ai mammiferi, aumentando il rischio che acquisisca mutazioni che lo rendano pericoloso per gli esseri umani. 

Quanto sta circolando il virus? Nei bovini, l'aviaria sembra causare sintomi di lieve entità (inappetenza, ridotta produzione di latte, lieve febbre) da cui l'animale si riprende senza problemi. Ciò da un lato non porta alla necessità di abbattere gli animali colpiti, dall'altro rende difficile conoscere l'entità della sua diffusione. Le mucche di norma non vengono testate per questo virus, e muovendosi tra uno stato e l'altro potrebbero favorirne la diffusione. Finora l'aviaria è stata confermata soltanto nelle mucche da latte e non in quelle da carne.

Quale evoluzione avrà il virus? A partire dal 2021-2022 un'epidemia di virus dell'influenza aviaria ad alta patogenicità ha provocato la morte di milioni di pennuti selvatici e di allevamento, ma si è diffusa anche tra i mammiferi marini, provocando la morte di 17.000 cuccioli di elefanti marini del sud (Mirounga leonina) in Patagonia. Per il momento il virus non sembra avere la capacità di diffondersi in modo efficiente tra esseri umani, ma analizzando la sequenza genetica del patogeno circolato tra gli uccelli, tra i bovini e ora nel paziente contagiato si cercherà di capire se stia acquisendo mutazioni utili alla trasmissione dagli amimali all'uomo, e da uomo a uomo. 

Il latte è sicuro? Intanto, gli scienziati precisano che nelle zone colpite il latte pastorizzato rimane sicuro da consumare, perché il processo di pastorizzazione lo eleva a temperature che inattivano l'attività dei possibili patogeni presenti. Il latte crudo e gli utensili per la mungitura sono invece da maneggiare con le cautele del caso.

9 aprile 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us