Salute

Per la prima volta un rene di maiale è stato trapiantato in un paziente in vita

Il primo trapianto di rene di maiale in un uomo ancora vivo è una tappa storica per la cura dei pazienti in dialisi o da anni in attesa di un organo.

Il 16 marzo 2024, con un intervento durato 4 ore, Richard Slayman, 62enne statunitense con malattia renale all'ultimo stadio, è diventato il primo paziente in vita a ricevere un trapianto di rene di maiale. L'organo era stato geneticamente modificato per ridurre al minimo le probabilità di rigetto e la procedura, che per il momento sembra essere andata per il meglio, apre le porte a opportunità di cura importanti per i pazienti costretti alla dialisi o da tempo in lista per un trapianto, di rene o di altri organi.

Un successo storico. L'intervento, effettuato da un'equipe del Massachusetts General Hospital di Boston, non è il primo trapianto di rene di maiale in un uomo: è il primo in un uomo in vita, destinato a uscire dall'ospedale per condurre un'esistenza normale o quasi. Questo tipo di xenotrapianto, cioè di trapianto che utilizza un organo prelevato da una specie diversa, era già stato tentato cinque volte in passato su pazienti dichiarati in morte cerebrale e ancora connessi a sistemi di supporto vitale. Il più recente era avvenuto nel luglio 2023 al NYU Langone Health (ne avevamo scritto qui) e il rene aveva continuato a funzionare per oltre un mese.

Preparato apposta. In questo caso il rene di maiale, fornito dalla compagnia di biotecnologie eGenesis, presentava 69 modifiche genetiche per ridurre il rischio di rigetto (la reazione potenzialmente letale che si verifica quando il sistema immunitario riconosce l'organo trapiantato come estraneo e gli si scatena contro), per renderlo più compatibile con il corpo umano e per distruggere porzioni di genoma che codificano per i retrovirus e altri virus dei maiali, che possono infettare l'uomo e che in passato hanno causato il fallimento di alcuni xenotrapianti.

Nel 2022 David Bennett, un 57enne con malattia cardiaca terminale, era diventato la prima persona al mondo a ricevere un cuore di maiale geneticamente modificato, ma era morto un paio di mesi dopo in seguito a un'infezione dovuta a un cytomegalovirus suino.

per ora... Funziona! Poco dopo l'intervento, il rene di maiale ha iniziato a produrre urina e a filtrare creatinina, una sostanza di scarto che si trova nel sangue e che viene filtrata dai glomeruli (i piccoli vasi sanguigni che si trovano nei nefroni, unità funzionali del rene), usata per valutare la funzione renale. Il paziente si è ripreso talmente bene che ha potuto interrompere la dialisi (la rimozione artificiale di scorie e liquidi dal corpo necessaria quando i reni non funzionano).

Ora cammina in autonomia e potrebbe essere dimesso presto.

Senza alternative. Richard Slayman è affetto da diabete di tipo 2, malattia renale e ipertensione. Nel 2018 aveva ricevuto un trapianto di rene da un donatore umano, ma dopo cinque anni l'organo aveva smesso di funzionare e Slayman era stato costretto a riprendere la dialisi (che aveva già effettuato in passato). Era in lista per un secondo trapianto che però sarebbe arrivato tra 5 o 6 anni, mentre gravi complicanze vascolari della dialisi lo costringevano a un ricovero ogni due settimane. Non avrebbe resistito ancora a lungo.

Quando i medici gli hanno proposto di sottoporsi a uno xenotrapianto, Slayman ha posto molte domande e infine ha accettato: «L'ho visto non solo come un modo per aiutare me, ma anche per dare speranza alle migliaia di persone che attendono un trapianto per sopravvivere» ha dichiarato. La FDA ha acconsentito alla procedura sotto al protocollo di uso compassionevole, previsto per i pazienti affetti da malattie potenzialmente letali e che non hanno altre opzioni terapeutiche.

Il futuro è questo? Gli xenotrapianti sono proposti da decenni come possibile soluzione alla carenza di organi per trapianti. Soffermandoci soltanto sui reni, anche in Italia la domanda di organi è molto più alta rispetto all'offerta disponibile e i tempi medi per un trapianto sono superiori ai 3 anni. Allo stesso tempo gli xenotrapianti sono ancora una procedura molto rischiosa, che aggrava il nostro sfruttamento degli animali e che potrebbe favorire il passaggio di patogeni tra specie. Prima di una loro applicazione clinica su larga scala serviranno anni, e altri studi approfonditi.

23 marzo 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us