Salute

Un antimalarico contro il tumore al cervello

Un farmaco normalmente usato contro la malaria riuscirebbe ad azzerare le difese di alcuni diversi tipi di tumori cerebrali, rendendoli di nuovo vulnerabili ai trattamenti.

La clorochina, un farmaco solitamente usato contro la malaria, si è rivelata inaspettatamente efficace come ultimo trattamento possibile per alcuni tipi di tumori cerebrali. Somministrata a tre pazienti ormai resistenti alla chemioterapia, è riuscita ad annientare le difese delle cellule cancerose, rendendo le lesioni nuovamente trattabili.

In tutti e tre i casi, seguiti dagli oncologi dell'Università del Colorado, è stata usata in combinazione con un farmaco inibitore del cancro, il vemurafenib, e anche se non ha portato a una guarigione ha comunque dato notevoli benefici clinici.

Tallone d'Achille. La clorochina è stata scelta per scalfire una particolare risorsa usata dalle cellule tumorali di una prima paziente, una 26enne malata terminale di glioblastoma. Il tumore era ormai divunuto resistente al vemurafenib, così si è scelto di contrastare l'autofagia, il processo di riciclo e smaltimento delle cellule più deboli che il cancro stava utilizzando per sopportare lo stress del trattamento, e proliferare nonostante questo.

Buoni risultati. La clorochina interviene proprio sull'autofagia, ed è quindi stata somministrata in unione al farmaco antitumorale. Ha funzionato: in quattro settimane, la sostanza ha reso il tumore vulnerabile al vemurafenib, e la paziente ha migliorato la sua qualità di vita. Anche altri due malati hanno mostrato simili progressi.

I prossimi passi. Non tutti i tipi di tumori cerebrali contano sull'autofagia, e serviranno nuove sperimentazioni per testare l'efficacia di questo farmaco: fortunatamente, poiché è da tempo usato contro la malaria, è già considerato sicuro dalla Food and Drug Administration.

22 gennaio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us