Salute

Un'abbuffata accorcia la vita

Uno studio statistico condotto da un ricercatore di Cambridge lo conferma: alcol, fumo ed eccessi alimentari fanno vivere meno. E ora sappiamo di quanto.

Ormai lo sappiamo: le abbuffate delle feste a base di carboidrati, grassi, dolci e alcool fanno male. Ma quanto fanno male? Secondo i calcoli di David Spiegelhalter, professore di statistica a Cambridge, un brindisi di troppo o l'ennesima fetta di panettone farcito alla fine di un cenone ci accorciano la vita di circa 30 minuti.

La statistica non mente. L'inquietante affermazione di Spiegelhalter si basa sull'analisi di una grande quantità di studi demografici provenienti da diversi paesi. Per spiegare la sua teoria lo scienziato introduce il concetto di “microvita”: secondo la statistica ciascuno di noi, dopo i 35 anni, ha a una speranza di vita di circa un milione di microvite e ciascuna di queste sarebbe lunga esattamente 30 minuti.
L'analisi dei dati sulla mortalità dei paesi occidentali ha permesso al ricercatore di calcolare che due sigarette o due cocktail al giorno, un pasto al fastfood a base di hamburger e patatine o due ore di TV mangiando schifezze ci costano una microvita.

Questione di punti vita. Ma per fortuna, come in un videogioco, le microvite possono essere anche guadagnate. Come? Ovviamente accantonando le cattive abitudini come il fumo e l'eccesso di alcool, facendo sport e mangiando tanta frutta e verdura.
Ci sono poi alcuni fattori demografici che influenzano il numero di microvite che ciascuno di noi ha a disposizione: per esempio le donne consumano ogni giorno 4 microvite in meno rispetto agli uomini. In pratica è come se la loro giornata durasse 23 ore, cioè invecchiano più lentamente.
Al contrario chi fuma 20 sigarette al giorno è come se vivesse giornate di 29 ore e quindi invecchia più in fretta.

Tutto lo sballo minuto per minuto

Perchè si dice "fumare come un turco"?

7 gennaio 2013 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us