Salute

Tumori: Veronesi, donne prendete la pillola anticoncezionale

L'oncologo, cancro ovaio killer ma mettendo a riposo l'organo il rischio crolla del 90%

«Donne, prendete la pillola anticoncezionale. Assumerla per 15-20 anni riduce del 90% il rischio di cancro all'ovaio, senza aumentare il pericolo di altri tumori». L'oncologo Umberto Veronesi lancia un appello alle italiane, che ancora non usano questo farmaco a livelli ritenuti ottimali dagli esperti.

«La pillola è uno strumento efficace e sicuro - ribadisce il fondatore dell'Istituto europeo di oncologia di Milano, intervenuto all'Ieo alla presentazione di un test del sangue per la diagnosi ultraprecoce del cancro al polmone - Mette a riposo le ovaie e permette di prevenire un tumore subdolo e silenzioso, che oggi viene scoperto tardi con un alto tasso di mortalità».

L'esame salva-polmone illustrato dall'Irccs di via Ripamonti analizza i microRna o miRna, piccole sequenze genetiche che risultano alterate anche in presenza di neoplasie asintomatiche. «Presentano cioè una "firma molecolare" spia del cancro - spiega Veronesi - che un giorno, lo speriamo, potrebbe permettere di identificare vari tipi di tumori. Quando arriveremo a riconoscere le diverse firme, sapremo quale arriva da un determinato cancro».

Sul polmone funziona e gli scienziati dell'Ieo stanno lavorando anche per un'analisi utile alla diagnosi precoce del carcinoma ovarico. «Le difficoltà sono enormi per vari motivi - precisa Pier Paolo Di Fiore che in Istituto dirige la Medicina molecolare - Il primo è che al momento non esiste un esame gold standard» come quello che può essere la Tac spirale per il polmone. Inoltre, proprio perché la diagnosi è quasi sempre tardiva, «non abbiamo tumori piccoli sui quali cercare la firma molecolare» anticipatoria.

Il tumore ovarico sieroso di alto grado dunque resta un killer. «Però le donne possono prevenirlo con la pillola e bisogna dirlo», conclude Veronesi.

29 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us