Salute

Tumori: il cancro ha 50 'talloni d'Achille', Ieo svela nuovi geni bersaglio

Non sono mutati ma 'deregolati', alcuni dei farmaci del futuro esistono già

Milano, 9 giu. (AdnKronos Salute) - Il cancro è più fragile grazie a uno studio dell'Istituto europeo di oncologia di Milano. In un lavoro condotto su casi di melanoma metastatico, pubblicato su 'Cancer Discovery' e sostenuto da Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) e ministero della Salute, gli scienziati dell'Irccs fondato da Umberto Veronesi hanno scoperto che il tumore cresce per effetto della deregolazione di oltre 50 geni e può quindi essere attaccato da più parti. Cinquanta 'talloni d'Achille' da bersagliare con nuovi farmaci, alcuni dei quali già disponibili.

Luisa Lanfrancone, direttore dell'Unità di ricerca Ieo 'Target identification and validation', insieme ai ricercatori della sua équipe Daniela Bossi e Angelo Cicalese, ha dimostrato che "sono circa 50 i geni responsabili della crescita di ciascun tumore, e per la maggior parte sono specifici del paziente". Si tratta di "un'ottima notizia per i malati - assicura Lanfrancone - perché significa che il cancro è più fragile e attaccabile di quanto abbiamo finora ipotizzato. E' più fragile perché i geni da cui dipende la sua crescita sono più numerosi di quanto pensassimo; è più attaccabile perché è sufficiente eliminarne uno solo per bloccarne la crescita". Per la scienziata c'è anche una seconda buona notizia, e cioè che "si aprono nuove prospettive per le terapie antitumorali. Abbiamo infatti scoperto un nuovo gruppo di geni importanti per la crescita del tumore, molto numerosi, specifici di ogni singolo paziente e soprattutto non mutati, a differenza di ciò che si è sempre pensato".

Finora, ricorda Lanfrancone, "la ricerca si è concentrata sull'identificazione dei geni che hanno subito una mutazione dando così origine al processo di formazione del tumore, e sulla costruzione di farmaci molecolari in grado di correggerla. Le terapie personalizzate di cui oggi facciamo uso sono dirette contro geni mutati nei tumori", secondo il principio che "ogni tumore ha la sua specifica mutazione e quindi il suo specifico farmaco". Ma non è sempre vero e questo spiega "l'inefficacia di molte terapie molecolari", precisano dall'Ieo. "I geni che abbiamo identificato non sono mutati - puntualizza la studiosa - Sono parte di percorsi molecolari finemente regolati all'interno delle cellule, la cui deregolazione contribuisce allo sviluppo del tumore". E "per alcuni di questi geni già esistono farmaci specifici": la terza buona notizia.

I ricercatori Ieo, riporta una nota dall'Istituto di via Ripamonti, hanno utilizzato una piattaforma di screening in vivo. In altre parole, hanno studiato il comportamento e l'evoluzione di cellule di melanoma avanzato del paziente, trapiantate in animali di laboratorio.

Agendo su questi tumori indotti hanno disattivato un gruppo di 236 geni regolatori della cromatina, già noti per avere un ruolo nel cancro, selezionati in base alla cosiddetta 'druggability', ossia la possibilità di trovare farmaci molecolari in grado di bloccarli o interferire con la loro funzione.

"Studiando l'effetto dello spegnimento di ogni singolo gene - riferisce Lanfrancone - abbiamo identificato quelli che hanno un ruolo nella crescita del tumore in vivo nell'animale, trovando che ciascun gene è deregolato in modo diverso da paziente a paziente. E' stato un lavoro molto impegnativo, durato 4 anni".

"Da domani - annuncia la ricercatrice - inizieremo nuovi screening con altri gruppi di geni per identificare quelli essenziali e potenzialmente attaccabili dai farmaci nel melanoma e in altri tumori, a partire da quello del seno. Vorremmo anche mettere a punto dei semplici test che consentano di traslare in vitro la piattaforma di screening con le cellule del paziente, in modo da identificare ancora più rapidamente i geni essenziali per la crescita tumorale e verificare la loro sensibilità ai farmaci".

9 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us