Salute

Tumori: esperto, per chi lavora in cantiere crema solare è un 'casco' anti-melanoma

Celleno (Aideco), sono dispositivi di protezioni individuale che il datore dovrebbe fornire

Roma, 14 apr. (AdnKronos Salute) - Per chi lavora all'aperto tutto l'anno, ad esempio in cantieri edili o in mare, la crema solare deve essere considerata come il casco anti-infortuni da portare sempre con sé. Quindi va messa sempre, soprattutto quando inizia la bella stagione, per prevenire lo sviluppo negli anni di un melanoma. "I prodotti antisolari rientrano nei dispositivi di protezione individuale che i datori di lavoro dovrebbero fornire ai propri dipendenti". Lo afferma all'Adnkronos Salute Leonardo Celleno, presidente dell'Associazione italiana dermatologia e cosmetologia (Aideco) che ha presentato oggi a Roma la campagna 'Sole Sicuro' indirizzata alle scuole medie inferiori del Lazio.

Sono diverse le malattie della pelle indotte dal sole in chi lavora all'aperto (agricoltori, lavoratori edili e i pescatori) ad esempio cita l'esperto "la cutis romboidale della nuca, caratterizzata da solcature oblique e incrociantesi tra loro che delimitano aree cutanee a forma romboidale - ricorda Celleno - o lo stesso melanoma, sono malattie diffuse tra queste categorie. Oggi la prevenzione ha fatto passi da giganti ma c'è ancora chi va quasi fiero di un' abbronzatura che in realtà può nascondere molte insidie".

In Italia il melanoma è attualmente il terzo tumore più frequente in entrambi i sessi al di sotto dei 50 anni: "Il più importante fattore di rischio ambientale è stato identificato nell’esposizione ai raggi Uv - conclude l'esperto - sia in rapporto alle dosi assorbite, che al tipo di esposizione (intermittente più che cronica) ed anche all’età (a maggior rischio l’età infantile e adolescenziale), con rischio marcatamente maggiore nei casi di sussistenza e interazione di tutti questi fattori".

14 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us