Salute

Tumori: diagnosi precoce con lo smartphone

La tecnologia sviluppata dai ricercatori del Massachusetts General Hospital sfrutta la fotocamera del telefono per eseguire un'analisi rapida e a basso costo.

Una tecnologia sviluppata presso il prestigioso Massachusetts General Hospital (MGH), terminale ospedaliero della Scuola di Medicina di Harvard, promette di diagnosticare tumori e altre patologie in tempi rapidi e con costi contenuti. In un documento pubblicato su PNAS i ricercatori descrivono un dispositivo compatibile con un comune smartphone, capace di evidenziare anomalie all'interno di immagini tridimensionali di cellule e tessuti.

Il team di ricerca guidato da Ralph Weissleder ha progettato un sistema D3 (diagnosi di diffrazione digitale) composto da un piccolo apparecchio di imaging dotato di luce led, che sfrutta una serie di microsfere per ottenere l'ologramma (ossia un'immagine tridimensionale) del tessuto da analizzare.

Come funziona. All'interno del campione di sangue o di tessuto prelevato dal paziente vengono inoculate le microsfere e si carica il tutto nel modulo D3, il quale a sua volta si collega allo smartphone. La funzione delle microsfere è duplice: riconoscere e legare un preciso marcatore tumorale e diffrangere la luce emessa dal led.

Uno smartphone può rendere più precise, semplici ed economiche analisi cliniche complesse. © Hero Images/Corbis

Solo a questo punto entra in gioco il telefono cellulare, che grazie alla fotocamera in dotazione registra gli schemi (pattern) di diffrazione. I dati vengono spediti a un server, dove un software analizza e rielabora le informazioni, permettendo di ottenere un profilo tridimensionale. In caso di tumore, le cellule malate (su cui sono presenti le proteine bersaglio) diventano facilmente distinguibili, perché si ancorano alle microsfere formando delle macchie luminose.

Vantaggi. Il sistema elaborato in seno al MGH consente di esaminare più di 100mila cellule per ciascuna immagine. La diagnosi può essere spedita al paziente o al medico curante dopo soli 45 minuti grazie all'estrema efficienza del software, che per elaborare 10 megabyte di dati impiega meno di nove centesimi di secondo. Il costo dell'intero processo è di soli 1,80 dollari (circa 1,70 euro).

I test pilota. Weissleder e colleghi hanno messo sotto la lente di ingrandimento 25 donne i cui pap-test avevano evidenziato delle anomalie. I campioni di tessuto prelevati con un esame bioptico sono stati trattati con microsfere provviste di marker per il papilloma virus (HPV), la principale causa del cancro al collo dell'utero. Grazie al sistema D3 è stato possibile individuare la presenza del virus con un grado di precisione analogo a quello dei test convenzionali, identificando le pazienti in cui le lesioni della cervice uterina avrebbero potuto progredire verso una forma tumorale.

Il team ha condotto un'ulteriore prova su un secondo campione di pazienti, questa volta per diagnosticare il cancro al sangue. Su 8 soggetti sottoposti a screening, il 50% è risultato positivo test, confermando le valutazioni cliniche ricavate con gli esami tradizionali.

Sviluppi futuri. «Ci aspettiamo che la piattaforma D3 migliori l'ampiezza e la profondità degli screening tumorali in un modo che sia sostenibile anche in strutture dotate di risorse limitate», dice Ralph Weissleder. «Sfruttando la crescente diffusione della telefonia mobile in tutto il mondo, il sistema potrebbe consentire la tempestiva diagnosi di casi sospetti o ad alto rischio, aiutando a compensare i ritardi nelle regioni dotate di servizi medici ridotti».

14 aprile 2015 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us