Salute

Tumore del pancreas: quali sono le spie per batterlo sul tempo?

Due segnali tipici del tumore del pancreas possono indicarne la presenza due o tre anni prima della diagnosi ufficiale: tempo prezioso per le cure.

Ciò che rende il tumore del pancreas una delle forme di cancro più insidiose e letali è la difficoltà di ottenere una diagnosi precoce. La malattia si diffonde in modo così silenzioso che nella maggior parte dei casi, quando ci si accorge che qualcosa non va è ormai troppo tardi per intervenire. Ora uno studio britannico pubblicato su PLOS ONE offre una speranza in più di scoprire il tumore del pancreas in tempo: due dei segnali tipici della patologia sembrerebbero insorgere infatti due o tre anni prima della diagnosi ufficiale.

In cerca di risposte. La perdita di peso e l'aumento dei livelli di glucosio nel sangue sono due sintomi di norma associati al tumore del pancreas, ma finora non era chiaro quando, e in che misura si manifestassero. Un gruppo di scienziati delle Università del Surrey e di Oxford ha analizzato la presenza dei due sintomi e di un terzo, importante fattore di rischio per questo tipo di cancro - il diabete - in un ampio database sanitario, che comprende informazioni su 10 milioni di pazienti.

Il team ha estratto informazioni sulle diagnosi di tumore al pancreas insieme a questi tre fattori di interesse e ha cercato di capire come questi cambiassero nel tempo nei pazienti colpiti.

Dimagrimento eccessivo. Si è visto così che nelle persone con tumore del pancreas si verifica un'importante perdita di peso già due anni prima della diagnosi. Al momento della diagnosi vera e propria, l'indice di massa corporea (cioè il rapporto tra il peso e il quadrato dell'altezza, un indicatore del peso forma di una persona) nei pazienti con cancro era inferiore di tre unità rispetto a quello delle persone non interessate dalla patologia.

da non trascurare. Il secondo indicatore, cioè l'aumento dei livelli di glucosio, era riscontrabile - ovviamente "col senno di poi", cioè a posteriori, sapendo chi tra i pazienti avrebbe poi sviluppato la malattia - addirittura tre anni prima della diagnosi. Come si intrecciano questi marcatori con il diabete? Secondo gli autori dello studio, un'anomala perdita di peso nelle persone affette da diabete è associata a un rischio maggiore di incorrere in una diagnosi di tumore al pancreas rispetto a quando si verifica in chi non ha il diabete. Viceversa, l'aumento di glucosio nel sangue in chi non ha il diabete è un segnale più preoccupante - rispetto a questa patologia - rispetto a quando si verifica in persone con diabete.

Le spie che dovrebbero far scattare ulteriori approfondimenti sono - ricapitolando - due: la perdita di peso (specialmente, ma non solo, nelle persone con diabete); l'aumento del glucosio nel sangue, soprattutto in persone che non hanno il diabete e che non sono aumentate di peso.

Fare presto. In Italia il tumore del pancreas costituisce il 4% di tutti i tumori di nuova diagnosi tra maschi e femmine, e nel 2017 ha colpito all'incirca 13.700 persone (dati Airc). I medici potrebbero incorporare le due nuove spie da verificare nei normali check-up per la salute e indirizzare i pazienti che mostrano sintomi sospetti verso esami diagnostici più approfonditi. Si riuscirebbe così a prendere eventuali tumori del pancreas quando sono ancora all'inizio ed è possibile intervenire chirurgicamente.

Ma c'è di più. Poiché questi segnali sono più eloquenti se letti in relazione l'uno con l'altro, anziché singolarmente, gli autori della ricerca stanno provando a legarli in uno strumento più complesso: un algoritmo (ossia un procedimento matematico di calcolo) salvavita che includa anche altre avvisaglie del tumore del pancreas, come il colorito giallognolo degli occhi o della pelle (ittero) o la presenza di urina scura e feci chiare. Considerare questi elementi tutti insieme sarebbe molto più efficace che guardarli uno alla volta.

4 novembre 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us