Salute

Trapianti: 30 anni fa a Padova il primo di cuore in Italia

In una lettera il ricordo di Zaia, impossibile trattenere emozione, scritta pagina indelebile della storia

Venezia, 13 nov. (AdnKronos Salute) - Il 14 novembre del 1985 fu eseguito a Padova il primo trapianto di cuore in Italia. Alla vigilia del 30esimo anniversario dalla storica data, l'impresa di Vincenzo Gallucci viene ricordata oggi dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. Il governatore ha inviato una lettera a Gino Gerosa, direttore del Centro di cardiochirurgia 'V.Gallucci' dell'Ao patavina, in occasione della manifestazione '1985-2015 - 30 anni dal primo trapianto di cuore: dal cuore biologico al cuore meccanico'. Un evento organizzato nell'Aula magna del Palazzo del Bo a Padova, proprio per celebrare il trentennale dell'intervento effettuato in Veneto sull'asse Padova-Treviso.

"E' impossibile oggi non farsi prendere dall'emozione - scrive Zaia - come fu impossibile non emozionarsi 30 anni fa, nel vedere le immagini (ero poco più di un ragazzo, ma ne ho un ricordo vivido) di un piccolo frigo che veniva trasportato a mano lungo un corridoio sotterraneo del Cà Foncello di Treviso con il suo contenuto di generosità, di vita, di speranza, di progresso; di un'auto scura con il motore acceso pronta a volare verso Padova e il futuro della cardiochirurgia e della trapiantistica; dell'attesa spasmodica al Policlinico patavino dove l'indimenticato professor Gallucci e la sua équipe stavano portando per la prima volta in Italia il cuore giovane e sano dello sfortunato e generoso Francesco Busnello nel petto di Ilario Lazzari, nel tentativo di strapparlo a morte certa".

"Ricordo il misto di gioia, stupore, orgoglio, ammirazione nel momento dell'annuncio che tutto era andato bene - prosegue Zaia - ricordo l'ondata gratificante dei servizi televisivi, radiofonici, della carta stampata nazionale. Tutto giusto, tutto meritato, perché la sanità veneta aveva scritto una pagina indelebile di storia della medicina e della cardiochirurgia nazionale e internazionale. Ricordi che rinverdiamo oggi di fronte a cardiochirurghi che hanno già saputo impiantare con successo un cuore interamente artificiale in un paziente: fantascienza pura 30 anni fa, realtà di livello mondiale nell'anno 2015. In una struttura sanitaria dove un trapianto di cuore è ancora oggi eccellenza assoluta, ma anche ruotine, per merito delle straordinarie professionalità che vi operano".

"Da questa giornata - auspica il governatore - vorrei che il messaggio di generosità di Francesco Busnello e dei suoi straordinari genitori si alzasse forte e chiaro a tutto il mondo, per sostenere con la forza dell'esempio vissuto la cultura della donazione. In Veneto abbiamo uno dei tassi di diniego alla donazione più bassi d'Italia, e ciò significa che i veneti sanno bene cos'è la generosità e che l'impegno anche regionale nel promuovere e diffondere la conoscenza e l'accettazione della donazione sta dando degli effetti".

"Ma non basta mai - continua Zaia nella lettera a Gerosa - Ci sono ancora troppe vite appese a un filo in attesa di un organo che ridia loro un futuro: se con la giornata di oggi riusciremo a tramutare anche un solo 'no' in un 'sì', Francesco Busnello, Vincenzo Gallucci e Ilario Lazzari avranno fatto un nuovo miracolo da lassù, dove si trovano e dove sono certo ci stanno guardando e ascoltando".

"Per la sanità italiana - conclude Zaia - è probabilmente il momento più difficile di sempre, con i bisogni che crescono e le risorse che calano, purtroppo anche dove si usano bene come qui. Ma oggi voglio dire forte e chiaro che non metteremo in discussione nemmeno per un secondo il futuro della sanità veneta d'eccellenza, che era tale già 30 anni fa e che continuerà ad esserlo, per trapiantare organi, studiare e impiantare cuori artificiali, studiare, inventare e applicare sempre le tecniche più moderne per salvare una vita o migliorarne la qualità. Lo dobbiamo alla nostra gente che soffre di una qualsiasi malattia, ai tanti straordinari operatori sanitari di ogni livello che ogni giorno gettano l'anima oltre l'ostacolo andando ben oltre i loro obblighi contrattuali, al ricordo di Francesco Busnello, Vincenzo Gallucci e Ilario Lazzari".

13 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us