Salute

Terrorismo e paura, nella mente la chiave per superare trauma

A Milano psicoterapeuti da tutta Europa su tecnica Emdr

Roma, 9 lug. (AdnKronos Salute) - "Ho visto la morte accanto a me ma ora sono tornata a vivere e a lavorare grazie all'Emdr. Così ho sconfitto il terrorismo". Sono le parole di Alessandra Morelli, delegata dell'Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati, bersaglio di un grave attacco bomba nel febbraio del 2014 in Somalia, a Mogadiscio insieme ai suoi colleghi. Morelli racconterà la sua storia al 16° Congresso Emdr, che si apre domani a Milano (17.30 presso MiCo), al cui centro c’è la parola 'trauma'. L'Eye Movement Desensitization ad Reprocessing è un trattamento di psicoterapia che agisce proprio sui disturbi post traumatici da stress.

All'incontro si parlerà anche della storia di Luca Leodori, sopravvissuto all’attacco terroristico al Taj Hotel a Mumbai nel novembre 2008. Quelle di Alessandra Morelli e Luca Leodori sono due forti testimonianze dell'Emdr nel ridurre gli effetti devastanti degli eventi traumatici che hanno vissuto nel corso degli attentati terroristici che li hanno coinvolti. "La deflagrazione - ricorda Morelli - ha ucciso dei passanti e il suono è stato così forte e profondo da attraversare il mio corpo come una freccia. Il fumo e l’odore della morte intorno si era infiltrato dentro la macchina e iniziava a intossicarci. Ho realizzato subito che eravamo stati attaccati da un veicolo kamikaze esploso vicino alla nostra macchina. Hussein, l’autista, con la sua determinazione è riuscito a far ripartire la macchina e siamo arrivati all’Amison Hospital".

"I primi 3 giorni dopo l’incidente mi sembrava di stare bene – prosegue Morelli - anche perché ero molto presa da tutte le persone che con grande affetto chiedevano di me ed ero anche impegnata in riunioni varie con i miei colleghi e con i superiori nell’analizzare l’accaduto. Una notte però mi sono resa conto che un semplice rumore mi faceva trasalire, sudavo freddo e i miei muscoli erano tesi. Camminavo come un robot, ero impaziente, emotiva e agitata, incapace di stare seduta ferma o di ascoltare. Stavo manifestando degli effetti post traumatici e che dovevo trovare il modo per elaborare ciò che era accaduto ma non sapevo con chi parlarne. Una cara amica mi parlò della terapia Emdr presentandomela come un approccio innovativo per la cura dei traumi. Così ho iniziato questo viaggio verso la libertà, tramite l’elaborazione e la desensibilizzazione dell’incidente. Dopo un mese di terapia avevo nuovamente la gestione e il controllo delle mie emozioni. Il mio team mi attendeva".

"L’Emdr interviene sulle persone che hanno sviluppato sintomi, disturbi o problematiche dopo aver vissuto situazioni di stress per gravi eventi di vita ed esperienze traumatiche - afferma Isabel Fernandez, presidente Emdr Europe - In questi giorni psicoterapeuti provenienti da tutta Europa si ritroveranno a Milano per presentare le ricerche più avanzate e i risultati clinici raggiunti nel trattamento dei traumi utilizzando l'Emdr.

Saranno presentati gli ultimi studi effettuati su disturbi alimentari, anoressia, obesità, dipendenze e allattamento. Questo significa che un trattamento psicologico come questo ha anche un effetto terapeutico sulle strutture cerebrali che sono coinvolte nella gestione della paura e delle reazioni di stress".

"Metaforicamente l'elaborazione dei traumi attraverso questa tecnica è come la corsa di un treno - spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, Supervisore Emder e responsabile comunicazione Emdr Italia - A ogni fermata scende del materiale negativo e salgono nuove associazioni positive. In altre parole, questo metodo sollecita un percorso che va dal disfunzionale al funzionale, riabilitando la capacità fisiologica del cervello di digestione e in seguito di accantonamento degli eventi traumatici. Oltre alle risposte emotive del paziente, varie ricerche hanno dimostrato che dopo il trattamento di psicoterapia si sono verificati importanti miglioramenti a livello neurofisiologico. Per esempio nel ripristino dell’equilibrio fisiologico del funzionamento della memoria, con una maggiore attività ed incremento metabolico nel giro cingolato anteriore e nel lobo frontale sinistro".

9 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us