Salute

Terremoto: psicologo Cisom, così aiutiamo la gente a superare la paura

Roma, 8 nov. (AdnKronos Salute) - La terra continua a tremare. Così come le popolazioni colpite dal sisma che ha messo in ginocchio il Centro Italia. "Si percepisce una grandissima paura trasversale: colpisce tutti, dai più piccoli agli anziani. Si avverte soprattutto una grande insicurezza a riprendere l'attività quotidiana". Così lo psicologo Daniele Barnabè, del Corpo italiano di soccorso dell'Ordine di Malta (Cisom), racconta all'AdnKronos come vive la gente colpita dalle terribili scosse di fine ottobre e che cosa si sta facendo per aiutare le persone a superare il trauma della distruzione. Lui lavora insieme alla squadra di volontari del Cisom tra cui soccorritori, psicologi e sanitari, e da oggi anche 4 operatori del Malteser International, a San Severino Marche (Macerata), tra i paesi più colpiti.

"Lavoreremo sul territorio fino a che ci sarà bisogno di noi. Stiamo approntando vari servizi per far tornare la gente a vivere normalmente - spiega Barnabè, sul campo insieme a un collega con il quale si alterna per non lasciare mai nessuno solo - In particolare, il mio lavoro è di aiutare le persone del posto (ci sono tanti anziani, così come bambini) a superare la paura, a riprendere sicurezza affinché si torni alle attività di routine: dal lavoro, allo studio, alla vita familiare di tutti i giorni". Insomma, normalità.

A San Severino Marche i volontari del Cisom gestiscono una cucina mobile che serve almeno 600 pasti al giorno per terremotati e soccorritori. C'è poi chi si occupa della logistica e gli operatori incaricati di assistere le persone rimaste senza casa, dell'accoglienza al palazzetto dello sport di viale Mazzini (che ospita all'incirca un centinaio di persone al giorno), di avviare le pratiche per una sistemazione individuata dal Comune (alberghi o altre strutture) al di fuori del paese. Un lavoro ampio, in una situazione di emergenza complessa in cui il terremoto continua a imperversare con lo sciame sismico.

Come si supera la paura? "Quel che spieghiamo innanzitutto alle persone - riferisce l'esperto - è che il cervello reagisce d'impulso di fronte a un evento imprevisto e destabilizzante: una reazione naturale che purtroppo manda in tilt la sicurezza, ma che non ha niente a che fare con il cambiamento della personalità. Questa è un'informazione molto importante, perché molti pensano che non si possa tornare a essere più come prima. Quindi insegniamo loro tecniche di pronto intervento psicologico per evitare che la preoccupazione si trasformi in ansia".

Il lavoro degli psicologi del Cisom è dunque tutto centrato sul sostegno alla gente del posto, perché riprenda gradatamente sicurezza nella vita di tutti i giorni.

Si insegnano tecniche di rilassamento ("i genitori, per esempio, fanno una doppia fatica perché devono infondere sicurezza ai figli pur essendo loro stessi preoccupati", precisa Barnabè); il modo più opportuno di approccio al bambino per tranquillizzarlo (leggere favole per accompagnare il sonno o cantare canzoni); l'importanza del disegno per i bimbi; riorientare le informazioni da dare ai più piccoli.

"I bambini reagiscono più rapidamente - evidenzia lo psicologo - Questo perché davanti a sé hanno una prospettiva del futuro e quindi ogni stimolo è per loro fonte di gratificazione. Più difficile è il lavoro con gli adulti che hanno consolidato una vita. Si pensi a un anziano che ha costruito attorno a sé tutta una serie di sicurezze (casa, lavoro, routine familiare) e poi da un momento all'altro c'è il crollo. Più si è grandi, più si pensa che manchi il tempo di ricostruire la vita: un dolore aggiunto per gli anziani che sentono di non potersi più riprendere ciò che hanno perso". Le squadre del Cisom sono presenti nelle zone terremotate di Lazio, Umbria e Marche con oltre 100 volontari. In particolare a San Severino è giunto anche l'aiuto tedesco. Si tratta di quattro operatori del Malteser international che, integrati con i volontari italiani, da oggi sostengono la popolazione terremotata occupandosi dell'attività quotidiana del campo, dalla mensa all'alloggiamento.

8 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us