Salute

Sui vaccini abbiamo sbagliato... il nome

E solo quello: le analisi di antichi campioni inoculati contro il vaiolo rivelano un equivoco nella terminologia usata per indicare il preparato salvavita. 

Sui vaccini abbiamo probabilmente preso un granchio. No, non sulla loro efficacia o necessità, né sulle false notizie riguardo alcuni presunti effetti collaterali. L'equivoco in cui siamo caduti è di tipo etimologico, come dimostra uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Nel 1796 il medico britannico Edward Jenner, considerato il padre dell'immunizzazione, si accorse che iniettando nei pazienti materiale ricavato da lesioni di vaiolo bovino, queste persone risultavano immuni all'infezione del virus di vaiolo umano. Jenner chiamò questa procedura "vaccino", dal termine latino vacca, per indicare le mucche: gli animali avevano appena consegnato alla medicina un'arma che avrebbe salvato milioni di vite umane.

Un diverso quadrupede. Peccato che la storia non sia andata esattamente così. Il preparato usato per proteggere dal vaiolo umano non derivava forse da vaiolo bovino, ma equino (il virus provocava nei cavalli una terza forma della malattia chiamata grease). Lo provano le analisi dei residui contenuti nelle due fialette di vaccino contro il vaiolo che vedete nella foto, prodotte dall'azienda farmaceutica H. K. Mulford di Philadelphia, Pennsylvania, nel 1902.

Risalgono a un secolo dopo la scoperta di Jenner, ma sono comunque le più antiche mai studiate, e contengono DNA molto più simile a quello del vaiolo equino, che a quello bovino. Lo stesso Jenner aveva scritto di aver utilizzato materiale sia di cavallo sia di mucca per i suoi esperimenti, ma finora mancavano le prove di utilizzo del vaiolo equino, che era quindi usato sin dai primi tempi (anche se ciò non esclude che Jenner abbia effettivamente utilizzato vaiolo bovino).

A prescindere dal nome... Il vaccino di Jenner si rivelò uno dei più importanti e rivoluzionari strumenti di salute pubblica. Solo nell'Europa del 1700, il vaiolo uccideva 400 mila persone ogni anno (nell'80% dei casi, bambini). Grazie a Jenner il vaiolo non esiste più. È stato dichiarato completamente eradicato nel 1979. Ma con i vaccini abbiamo anche sconfitto la polio e alcune altre gravi malattie che, grazie all'immunità di gregge, sono oggi estremamente rare.

12 ottobre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us