Salute

Studio scopre 'segreto' elefanti, raramente si ammalano

Roma, 8 ott. (AdnKronos Salute) - - Perché gli elefanti si ammalano raramente di cancro? Un mistero che ha sconcertato gli scienziati per decenni. Uno studio condotto da ricercatori dell'Huntsman Cancer Institute della University of Utah e dell'Arizona State University, che ha coinvolto anche il Ringling Bros. Center for Elephant Conservation e uno zoo con ospiti questi enormi animali, potrebbe aver trovato la risposta.

Secondo i risultati, pubblicati oggi sul 'Journal of American Medical Association' e determinati nel corso di diversi anni, i pachidermi hanno 38 ulteriori copie modificate (alleli) del gene che codifica per p53, un noto soppressore tumorale. Gli esseri umani ne hanno invece solo due.

Inoltre, hanno scoperto gli esperti, gli elefanti possono mettere in moto un meccanismo molto più robusto per uccidere le cellule danneggiate che sono a rischio di diventare cancerose. Un'attività doppia rispetto alle cellule umane sane, e fino a cinque volte superiore rispetto a quelle di persone con sindrome di Li-Fraumeni, che hanno solo una copia di p53 e un rischio più alto di cancro del 90%.

"La natura ha già capito come prevenire il cancro - commenta il co-autore senior dello studio Joshua Schiffman, oncologo pediatrico dell'Huntsman Cancer Institute - sta a noi imparare come i diversi animali affrontano il problema, in modo da poter adeguare tali strategie alla prevenzione del cancro nelle persone".

Oltre agli elefanti, anche alcuni tipi di ratti e di balene hanno sviluppato 'stratagemmi' naturali contro i tumori. "Il regno animale contiene indubbiamente informazioni che potrebbero aiutare a portare a cure per molte malattie umane", conclude Craig Dinsmore, direttore esecutivo dell'Hogle Zoo Utah, che ha collaborato al lavoro. "I campioni di sangue dei nostri elefanti stanno aiutando il dottor Schiffman nella sua ricerca, e siamo orgogliosi di essere una parte del suo lavoro pionieristico".

8 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us