Salute

Strappo selettivo dei capelli contro la calvizie

Per un pelo immolato, ne ricrescono sei: non è un sogno ma il risultato ottenuto in una ricerca sui topi. Ma attenti: togliere capelli a caso non serve. Il "sacrificio" deve avvenire in base a regole precise.

Chi sogna una folta chioma ma si ritrova stempiato, farebbe di tutto pur di tenere in testa i pochi capelli rimasti. Potrebbe però non essere la migliore strategia: secondo uno studio dell'Università della California del Sud, strappare i capelli secondo una precisa configurazione può stimolare la crescita di nuovi peli, grazie alla risposta dei follicoli al "trauma" subito.

Non coltivarli. Strappali! La ricerca pubblicata su Cell, e condotta per il momento soltanto sui topi, potrebbe dare nuove speranze a chi è affetto da calvizie o da alopecia, cioè la perdita di capelli localizzata o diffusa.

I ricercatori hanno dimostrato che strappando con attenzione 200 peli da un'area molto ristretta del dorso di un topo, è possibile stimolare la ricrescita di un numero di capelli fino a 6 volte superiore: 1200, ossia - tolti i capelli strappati - 5 volte maggiore dell'inizio.

pronto intervento. Alla base del processo ci sarebbe la risposta immunitaria alla privazione subita. Dopo lo strappo i follicoli piliferi, cioè le strutture cellulari dalle quali ha origine il pelo, secernono proteine infiammatorie che causano la chiamata in loco di cellule immunitarie; queste a loro volta comunicano ai follicoli vicini che è ora di far crescere nuovi capelli.

vicini è meglio. «Abbiamo scoperto come i capelli comunicano in fase di stress» dice Philip Murray, coautore del paper. Ma strapparsi capelli a caso non risolverà i vostri problemi di calvizie. La rigenerazione sembrerebbe infatti legata alla specifica configurazione dello strappo.

Quando i ricercatori hanno tolto i peli da un'area di 6 mm della schiena del topo, la ricrescita non ha funzionato. Ma depilando superfici circolari di 3-5 mm di area, sono ricresciuti dai 450 ai 1300 nuovi peli.


gioco di squadra. I follicoli infatti non sembrano rispondere individualmente, ma comunicano con i follicoli vicini. Se quelli danneggiati si trovano a distanze eccessive, la risposta immunitaria è meno coordinata ed efficace. Niente risposta, niente capelli, e il sacrificio dei peli iniziali sarà stato vano. La ricerca, ancora agli inizi, potrebbe fornire nuove opportunità nel campo della medicina rigenerativa.

13 aprile 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us