Salute

Stamina: Csm archivia fascicolo, voto unanime plenum

Approvata delibera prima commissione, non sindacabili provvedimenti giudici

Roma, 15 lug. (AdnKronos Salute) - Il Consiglio superiore della magistratura archivia il fascicolo sul caso Stamina, che era stato aperto a maggio dello scorso anno dopo l'esposto inviato dall'assessore alla Salute della Regione Lombardia Mario Mantovani all'allora capo dello Stato Giorgio Napolitano e poi trasmesso dal Quirinale al Csm, nel quale l'assessore denunciava che la "validità scientifica" del metodo Stamina sarebbe "oltremodo dubbia" e che la "contraddittorietà della situazione" sarebbe stata "accresciuta dai provvedimenti in opposta direzione emessi dall'autorità giudiziaria", auspicando da parte della magistratura "un atteggiamento univoco e condiviso".

Il plenum ha approvato all'unanimità una delibera della prima commissione, che ha deciso l'archiviazione "non essendovi provvedimenti di competenza da adottare" è non potendo il Csm "valutare il merito dei provvedimenti giurisdizionali" dei magistrati.

La delibera, di cui è relatrice la presidente della commissione, la consigliera laica di Sel Paola Balducci, ricorda che "della vicenda si è occupata a vario titolo l'autorità giudiziaria" e richiama la recente pronuncia della Cassazione che ha stabilito che "al trattamento non può essere riconosciuta alcuna validità scientifica", una conclusione "idonea a ritenere raggiunto un punto fermo". Le decisioni giudiziarie, sottolinea il testo, "sono state pertanto caratterizzate dalla premessa comune di una mancanza di conoscenza definitiva sulla cura e quindi la pretesa di una loro uniformità e rispondenza a univoci criteri appare i possibile da realizzare".

Dunque "in un quadro scientifico di questo tipo e sino alla pronuncia della Cassazione, le decisioni di merito, motivate e argomentate, sono frutto dell'attività interpretativa del singolo giudice, e come tali non sono sindacabili in questa sede" e non se ne può "valutare il merito" essendo i magistrati, come tutti i cittadini, in caso di violazione della legge "soggetti al giudice ordinario civile e penale".

15 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us