Salute

Sono iniziate le trasfusioni di sangue artificiale

Per la prima volta il sangue creato in laboratorio da cellule staminali è stato trasfuso in due persone: potrebbe essere l'inizio di una rivoluzione.

Per la prima volta piccole dosi di sangue "coltivato" in laboratorio sono state somministrate a volontari umani, all'interno di uno studio clinico britannico che sperimenta una procedura mai tentata finora. Il sangue artificiale è stato ottenuto dalle cellule staminali di donatori e quindi trasfuso in due soggetti adulti sani: per il momento l'obiettivo è capire quanto a lungo resista nel corpo, rispetto al sangue "standard" usato in queste procedure.

Sacche di scorta. Lo studio fa parte di un'iniziativa chiamata RESTORE, portata avanti dalle Università di Cambridge e di Bristol insieme a medici e ricercatori del National Health Service (NHS) britannico. L'obiettivo ultimo del progetto non è sostituire il sangue generosamente offerto dai donatori, ma piuttosto assicurarsi una tecnica per produrre i tipi di sangue ultrarari praticamente impossibili da trovare in emergenza.

Anche se i principali gruppi sanguigni principali sono quattro - A, B, 0 e AB, ciascuno suddiviso in due categorie distinte dal fattore Rh - il livello di compatibilità tra donatore e ricevente richiesto nelle trasfusioni va al di là di queste macro suddivisioni: esistono persone con fenotipi sanguigni talmente rari da essere teoricamente compatibili con solo una decina di possibili donatori in un intero Paese.

Come è stato ottenuto. Lo studio si è concentrato sui globuli rossi, che trasportano ossigeno dai polmoni al resto del corpo. Si è partiti con una normale donazione di 470 ml di sangue, dal quale sono state estratte e separate le cellule staminali capaci di trasformarsi in globuli rossi; queste cellule sono state incoraggiate a crescere in grandi numeri e a differenziarsi in laboratorio, in un procedimento che è durato in tutto tre settimane. 

I primi due partecipanti hanno ricevuto l'equivalente di uno o due cucchiaini da tè di sangue artificiale (5-10 millimetri), molto meno di quello riversato nelle normali trasfusioni. Attentamente monitorati, stanno bene e non hanno mostrato segni di rigetto. Il trial sarà esteso ad almeno 10 volontari sani che riceveranno la stessa quantità di sangue in due versioni, normale o ottenuta in laboratorio, a distanza di almeno quattro mesi di tempo. Il sangue artificiale avrà una caratteristica "speciale" - sarà marchiato con una sostanza radioattiva, innocua per l'uomo e usata spesso in procedure mediche, che permetterà di misurarne la permanenza nel corpo.

Meglio del sangue "vero"? Il sospetto degli scienziati è che i globuli rossi coltivati dalle staminali resistano più a lungo nell'organismo rispetto al sangue normalmente donato: si tratta infatti di cellule appena nate, tutte ugualmente giovani e fresche e quindi sulla carta più longeve, a differenza di quelle raccolte dai donatori che si trovano, per forza di cose, in diversi stadi della loro vita cellulare.

Grande potenziale. I globuli rossi di norma sopravvivono per 120 giorni prima di essere rimpiazzati. Una tipica sacca di sangue donato contiene un mix di cellule vecchie e giovani, mentre quelle ottenute da staminali, partendo tutte "da zero" dovrebbero durare per tutti e 120 i giorni completi. Se ciò fosse confermato si aprirebbe la strada a donazioni meno frequenti e con minori quantità di sangue per le persone che devono fare spesso ricorso a questa procedura.

«Se sicuro ed efficace, il sangue artificiale potrebbe nel tempo rivoluzionare i trattamenti per le persone con malattie del sangue come l'anemia falciforme (una condizione ereditaria che colpisce i globuli rossi, ndr) o con rare tipologie di sangue» scrivono gli autori dello studio. «I pazienti che hanno bisogno regolarmente di sangue potrebbero non dover ricorrere a trasfusioni così spesso. Ciò ridurrebbe il sovraccarico di ferro da trasfusioni frequenti, che può portare a complicanze gravi».

Rimbocchiamoci le maniche (e tendiamo il braccio). Ci vorrà tempo però prima che il sangue artificiale entri di diritto nei trattamenti medici approvati: le trasfusioni di sangue continueranno ad essere possibili grazie all'altruismo e al senso civico di chi dona regolarmente. Per ora il procedimento resta molto costoso e lungo, e le quantità di sangue ottenibili piuttosto limitate. Ma da qualche parte bisogna pure cominciare.

11 novembre 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us