Salute

Società: studio Usa, più 'bamboccioni' che conviventi con partner

Per la prima volta nella storia moderna americana

Roma, 26 mag. (AdnKronos Salute) - Per la prima volta nella storia moderna, attualmente i giovani adulti americani tra i 18 e i 34 hanno maggiori probabilità di vivere con un genitore che con un partner romantico, secondo una nuova analisi del Pew Research Center statunitense. Se nel 1960, l'età media al matrimonio era di 20 anni per le donne e 22 per gli uomini, e solo una persona su 10 con più di 25 non era 'accasata', ora le età mediane sono di 27 e 29 anni, e un adulto su cinque non si è mai sposato. Secondo i dati del 2014 rilevati dall'indagine, fra i 'Millennials' il 32,1% vive a casa dei genitori contro il 31,6% dei 'sistemati' con un partner, riporta il 'New York Times'.

"Credo che non sia né il migliore né il peggiore cambiamento a cui abbiamo assistito nello sviluppo nella vita familiare", frena Andrew Cherlin, sociologo della Johns Hopkins University. "Questi dati violano solo la nostra cultura, secondo cui i giovani adulti dovrebbero vivere la loro vita lontano dai genitori. Ma in Italia - fa notare - una percentuale ancora maggiore di giovani vive con i genitori, e nessuno lo vede come problema. Non c'è niente di male a stare con la propria famiglia".

Secondo Richard Fry, l'economista autore dello studio, invece "alcuni giovani adulti hanno la sindrome di 'paura del lancio' verso la vita adulta. Altri stanno semplicemente vivendo le loro vite, risparmiando denaro e magari continuando a studiare per un master o facendo uno stage". E se la convivenza con i genitori è in aumento, la relazione evidenzia che anche altre 'sistemazioni' stanno diventando sempre più comuni. Circa il 22% dei giovani adulti si trova in carcere, o vive in un dormitorio o con un altro parente come un nonno o un fratello, rispetto al 13% nel 1960.

26 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us