Salute

Smog: Oms, costa 1,6 trilioni di dollari l'anno per malattie e morti in Ue

Meeting a Haifa in Israele per strategie d'intervento condivise

Roma, 28 apr. (AdnKronos Salute) - L'inquinamento atmosferico grava come un macigno sull'economia dei Paesi Ue. Costa, infatti, ben 1,6 trilioni di dollari l'anno per malattie correlate e di decessi prematuri (600 mila), pari a un decimo del Pil prodotto dall'intera Unione nel 2013. La stima arriva dal primo studio del genere, realizzato dall'Ufficio europeo dell'Oms e dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e presentato al meeting di Haifa (Israele), dove sono riuniti oltre 200 rappresentanti istituzionali e organizzazioni non governative per discutere di ambiente e salute nell'Ue.

"Intervenire sugli effetti provocati dall'inquinamento atmosferico sulla salute è una scelta che paga - afferma Zsuzsanna Jakab, direttore dell'Ufficio europeo dell'Oms - I Governi dell'Ue devono lavorare insieme nei diversi settori interessati". Secondo il report dell'Oms, che ha valutato la qualità dell'aria in 53 paesi della regione europea, i soli costi economici dei decessi legati allo smog sono pari a 1,4 trilioni di dollari. Aggiungendo anche l'esborso per le malattie si arriva a 1,6 triliardi.

Oltre il 90% dei cittadini è esposto a livelli elevati di inquinamento atmosferico. Questi veleni nell'aria hanno provocato solo nel 2012 - sottolinea il report - 482 mila morti premature dovute a malattie cardiovascolari e respiratorie, tumori al polmone e ictus. "La riduzione dello smog deve diventare una priorità politica - afferma Christian Friis Bach, segretario della Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite (Unece) - un impegno che deve essere al centro della prossima conferenza sull'ambiente dei ministri Ue in Georgia nel 2016".

28 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us