Scienza

Le e-cig sono due volte più efficaci dei trattamenti alla nicotina per smettere di fumare

Le sigarette elettroniche sembrano garantire più spesso la fine della dipendenza da sigarette rispetto a cerotti o gomme alla nicotina. Uno studio dà prova della loro utilità contro il tabagismo (ma non fuga i dubbi su sicurezza e sull'impatto sui non fumatori).

Per chi è deciso a smettere di fumare, le sigarette elettroniche sarebbero un'opzione due volte più efficace rispetto ai trattamenti sostitutivi a base di nicotina, come cerotti o gomme da masticare. Questo è ciò che sembra dimostrare uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, finanziato dal National Institute for Health Research e dal Cancer Research UK, e condotto dai ricercatori della Queen Mary University di Londra.

Evidenze più solide. Le case produttrici di e-cig sostengono da tempo che i loro prodotti siano utili per ridurre la dipendenza da sigarette, tuttavia le prove sperimentali a riguardo erano finora piuttosto esigue. Nel nuovo studio sono stati coinvolte 886 persone che si erano rivolte a un programma del National Health Services britannico per smettere di fumare. I partecipanti sono stati assegnati con metodo casuale a uno tra due gruppi abbinati a due tipi diversi di trattamento.

Due approcci diversi. Il primo ha ricevuto gratuitamente prodotti sostitutivi a scelta a base di nicotina (cerotti, spray, gomme, pastiglie, inalatori) per un periodo massimo di tre mesi; il secondo, un kit con sigaretta elettronica e liquido alla nicotina gusto tabacco, per la durata di due-quattro settimane. I volontari di entrambi i gruppi sono stati invitati a proseguire in autonomia i trattamenti sostitutivi anche una volta esaurite le prime "scorte".

Un aiuto in più. Dettaglio non trascurabile, tutti i partecipanti hanno ricevuto supporto psicologico per smettere di fumare una volta alla settimana per la durata di un anno. A conclusione dell'esperimento, il 18% delle persone nel gruppo delle e-cig aveva smesso di fumare, contro il 10% del gruppo dei trattamenti alla nicotina. Tra gli utilizzatori di e-cig c'erano inoltre più persone che pur non avendo abbandonato le sigarette, avevano ridotto di oltre il 50% la loro quantità.

Gradevoli (anche troppo). I partecipanti di entrambi i gruppi hanno riferito che nulla era soddisfacente come le sigarette, ma le e-cig sono state percepite come più piacevoli e di aiuto rispetto ai dispositivi alla nicotina. Il gruppo delle sigarette elettroniche ha riportato più spesso irritazione alla bocca e alla gola, quello di gomme, cerotti & co. ha accusato più spesso nausea.

La maggior parte (l'80%) di chi aveva smesso di fumare grazie alle e-cig le stava ancora usando dopo un anno, mentre solo il 9% di chi aveva cessato di fumare grazie ai trattamenti sostitutivi alla nicotina li stava ancora utilizzando al termine dello studio.

Secondo Peter Hajek, primo autore dello studio e direttore dell'Unità di ricerca su salute e stili di vita della Queen Mary University di Londra, da tempo sostenitore delle e-cig nella lotta al tabagismo, questi dispositivi dovrebbero essere consigliati ai fumatori che desiderano smettere e che trovano difficile farlo.

Le perplessità. Tuttavia, se lo studio rappresenta una buona notizia per chi già fuma e vorrebbe passare ad abitudini meno dannose, non risolve però alcune zone d'ombra associate ai dispositivi. Intanto, solo una piccola percentuale del neogruppo di svapatori ha abbandonato le e-cig - passando così di fatto a una seconda dipendenza: a questo proposito c'è chi sostiene che bisognerebbe gradualmente diminuire la quantità di nicotina nei liquidi di combustione delle e-cig, per smettere di fumare ogni tipo di sigaretta (elettronica e non).

I volontari erano seguiti da uno psicologo, un aiuto prezioso che di norma i fumatori non hanno. Rimangono inoltre i timori sugli effetti sulla salute delle sostanze svapate e sull'impatto dei prodotti del riscaldamento del dispositivo, che alcuni studi ritengono cancerogeni. Infine, la ricerca non fuga il timore che le e-cig e possano incoraggiare l'iniziazione al fumo dei giovanissimi e introdurre alla graduale dipendenza da nicotina.

5 febbraio 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us