Salute

Sigarette (ma anche e-cig) aumentano il rischio di covid grave anche nei giovani

Fumare e svapare espongono anche le persone giovani e sane a maggiori probabilità di contrarre la covid in forma grave, perché favoriscono meccanismi infiammatori e complicanze cardiocircolatorie.

Le sigarette di qualunque tipo, incluse quelle elettroniche, espongono anche le persone giovani e sane a maggiori probabilità di contrarre la covid in forma grave, perché aprono la porta agli aumentati meccanismi infiammatori e alle complicanze cardiocircolatorie che possono presentarsi dopo i primi giorni dal contagio iniziale. Anche se il fumo di sigaretta è, tra i due fattori, quello più dannoso, i vapori delle e-cig non sono "innocenti": se proprio ci si deve ammalare di covid, sarebbe meglio farlo da non fumatori.

Proteine pericolose. Fumare e svapare sono abitudini pericolose per diversi tipi di malattie polmonari, ma il loro rapporto con la covid è ancora oggetto di studio, data l'occorrenza relativamente recente di questa malattia.

Ecco perché «è stato interessante e piuttosto inaspettato scoprire che svapare può alterare i livelli di proteine chiave che il virus della covid usa per replicarsi», spiega Theodoros Kelesidis, docente associato di medicina nella divisione Malattie Infettive della University of California, a Los Angeles. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul Journal of Molecular Medicine.

Un aiuto al virus. Kelesidis e colleghi hanno esaminato, nel plasma (la componente liquida del sangue) di 45 non fumatori, 30 svapatori e 29 fumatori tradizionali i livelli di alcune proteine che il SARS-CoV-2 usa per replicarsi.

Il plasma di chi faceva uso di sigarette ed e-cig presentava quantità aumentate di tre proteine in particolare (l'enzima furina e le proteine sCD163 e L-selectina) presenti o sulle cellule immunitarie o direttamente sui tessuti, come quelli polmonari.

Meglio non fumare affatto. Fumo e svapo sembrerebbero incoraggiare nell'ospite l'espressione di proteine che il virus usa per moltiplicarsi, e tutto ciò potrebbe tradursi in reazioni immunitarie più violente.

Anche se quanto scoperto andrà approfondito con ulteriori studi e su campioni più ampi di volontari, «chi fa uso di e-cig potrebbe essere a rischio più elevato rispetto ai non fumatori di sviluppare infezioni e disordini infiammatori nei polmoni», chiarisce Kelesidis. «Le sigarette elettroniche non sono innocue e dovrebbero essere usate soltanto per il periodo più breve possibile durante il percorso per smettere di fumare, o non essere utilizzate affatto da chi non fuma».

14 febbraio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us