Salute

Si può prendere la covid due volte in un mese?

Appena guariti dalla covid, per un po' si è protetti dalle reinfezioni? Non necessariamente, rivela il caso di una sfortunata paziente.

Chi ha da poco riconquistato un tampone negativo, può godere per qualche mese di uno scudo anti-covid? Sarebbe bello, ma non è detto: dalla Spagna arriva la notizia di una donna contagiata due volte a distanza di 20 giorni, il più breve arco di tempo mai documentato tra un'infezione e l'altra. Il caso clinico è stato presentato durante il Congresso Europeo di Microbiologia e Malattie infettive (ECCMID) a Lisbona.

Due varianti diverse. La donna, una lavoratrice sanitaria di 31 anni, è risultata positiva durante un tampone di routine sul luogo di lavoro il 20 dicembre 2021. Totalmente asintomatica, è rimasta in isolamento 10 giorni prima di riprendere servizio ma il 10 gennaio, a distanza di tre settimane dal primo test positivo, ha sviluppato tosse, febbre e un generale malessere: un nuovo tampone ha confermato la positività alla covid. Quando i due test sono stati analizzati con più attenzione, si è capito che il primo contagio era dovuto alla variante Delta e il secondo ad Omicron.

Vaccini. La paziente era regolarmente vaccinata e aveva ricevuto il booster di richiamo 12 giorni prima dell'infezione di dicembre. Secondo Gemma Recio dell'Institut Català de Salut di Tarragona, tra gli autori dello studio, «dal caso emerge la potenzialità della variante Omicron di eludere le precedenti difese immunitarie acquisite in seguito a un'infezione naturale per altre varianti o grazie ai vaccini».

In altre parole, continua la biologa molecolare «le persone che hanno avuto la CoViD-19 non possono dare per scontato di essere protette da reinfezioni, anche se sono pienamente vaccinate. Ciò nonostante, sia le precedenti infezioni per altre varianti sia i vaccini sembrano proteggere parzialmente dalla malattia grave e dall'ospedalizzazione se si è colpiti da Omicron».

Che cosa aspettarsi. Ora che Omicron è la variante prevalente, e si riducono i casi di infezione da Delta, è possibile che un doppio contagio per la stessa variante sia meno frequente. Tuttavia, se la covid virasse per davvero da malattia pandemica a infezione endemica, tutti saremmo destinati ad ammalarci più volte, a distanza di mesi o all'arrivo della stagione invernale. Lo studio sottolinea l'importanza della sorveglianza genomica anche ora che i sintomi sembrano - per i vaccinati - assimilabili a quelli influenzali. Solo così è possibile conoscere la capacità di una variante di bucare le difese immunitarie, e cogliere l'insorgenza di eventuali nuove varianti.

22 aprile 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us