Sei mutazioni genetiche che ti danno i superpoteri

Veloci come Flash, resistenti agli urti e quasi immuni al richiamo del sonno: sono gli "effetti collaterali" di alcune varianti genetiche, che regalano qualità inaspettate.

shutterstock_302297936
Gli artigli in adamantio sono roba da X-Men, ma una mutazione genetica rende le ossa umane più resistente alle fratture.|Shutterstock

I geni determinano il colore dei nostri occhi e dei capelli, l'altezza, la tonalità della pelle, la predisposizione ad alcune malattie. Ma specifiche varianti nella sequenza del DNA possono conferirci poteri da "supereroi", rendendoci più resistenti ad alcuni problemi di salute, dotati di sorprendenti doti fisiche o più capaci di ottimizzare le risorse cui attingiamo tutti i giorni. Ecco allora sei mutazioni genetiche particolarmente fortunate, e le loro conseguenze.

 

Il gene del velocista. Tutti noi abbiamo il gene ACTN3, ma una variante di esso è responsabile di una maggiore capacità di "sprint" dei corridori, perché codifica per una proteina - la alfa-actinina-3 - che controlla le fibre muscolari a contrazione veloce. Uno studio del 2008 ha dimostrato che questa variante allelica (gli alleli sono le due o più forme alternative dello stesso gene), detta R, è presente in almeno una copia nel 95% dei velocisti, e in due copie nel 50% di essi.

 

Al contrario, i fondisti (gli atleti specializzati in gare di resistenza) presentano in più alta percentuale la seconda variante allelica, detta X. Questa determina l'assenza dell'alfa-actinina-3, che concorre alla formazione di muscoli "lenti", più adatti a sostenere uno sforzo prolungato.

Alcune varianti genetiche favoriscono le fibre muscolari adatte a gare di velocità. Altre, quelle lente tipiche delle performance di resistenza. Come si forma un super maratoneta | Shutterstock

Quelli che non dormono mai (o quasi). Immaginate di potervi sentire del tutto ricaricati dopo 4 ore di sonno: questa capacità - ciclicamente vantata da politici, imprenditori o scienziati - è stata associata a una serie di varianti genetiche, in particolare a carico del gene hDEC2. La capacità di rigenerarsi con solo una manciata di ore a notte sembrerebbe quindi un dono di famiglia, anche se alla lunga, dormire troppo poco ha effetti molto negativi sulla salute.

Il dono dei supertaster. Un quarto della popolazione mondiale assapora ogni boccone con una maggiore intensità: sono i supertaster, più inclini a zuccherare il caffè e ad evitare cibi molto grassi. Sembra che questa capacità sia legata a una variante del gene TAS2R38, che codifica per i recettori del sapore amaro. Un'altra variante a carico dello stesso gene è invece responsabile di capacità gustative inferiori alla media.

Ossa d'acciaio. Uno scheletro straordinariamente denso, con ossa pesanti e a prova di frattura: una mutazione nel gene LRP5 rende l'ossatura praticamente indistruttibile, come hanno scoperto alcuni scienziati della Yale School of Medicine analizzando il corredo genetico di una famiglia storicamente immune da problemi alle ossa. Lo stesso gene è anche implicato in anomalie di tipo opposto, che rendono le ossa più fragili e favoriscono l'osteoporosi.

 

I geni dei caffeinomani. Almeno sei varianti genetiche influenzano il modo in cui il nostro corpo reagisce alla caffeina, e spiegano perché uno stesso dosaggio di caffè sortisca effetti diversi su ciascuno. Due di queste, vicino ai geni BDNF e SLC6A4, influenzano gli effetti del caffè nel circuito della ricompensa - quelli che determinano la nostra voglia di berne ancora.

 

Altre determinano il modo in cui l'organismo metabolizza il caffè: chi lo processa più velocemente, probabilmente ne berrà di più, perché i suoi effetti passano più rapidamente. Infine, altre ancora spiegano perché alcune persone si addormentino come angioletti dopo una tazzina di espresso, mentre altre debbano interromperne l'assunzione già dopo il primo pomeriggio, se non vogliono trascorrere una notte insonne.

Le mutazioni che proteggono il cuore. I livelli di colesterolo dipendono molto dall'alimentazione, ma anche la genetica fa la sua parte. Anche alcune mutazioni nel gene che codifica per la proteina di trasferimento lipidico (CETP) possono aiutare a tenere a bada il colesterolo cattivo (LDL): la carenza di questa proteina favorisce alti livelli di colesterolo "buono" HDL, che aiuta a trasferire il colesterolo fino al fegato, dove viene eliminato. Le persone con questa mutazione, quindi, risultano naturalmente protette da malattie cardiovascolari.

25 Settembre 2017 | Elisabetta Intini