Lo sballo è nell'aria

Cosa c'è nell'aria che respiriamo? Non solo idrocarburi, ma, secondo uno studio del CNR, anche tracce di cocaina e cannabinoidi.

42-30504448
C'è droga nell'aria delle nostre città. Farà male? (© foto Alain Le Garsmeur/Corbis)

Non bastavano il PM5, il PM10, il benzene e gli altri idrocarburi: l'aria delle nostre città è appestata anche da residui di cocaina, cannabinoidi e altre sostanze stupefacenti.
Lo afferma un gruppo di ricercatori del CNR di Roma guidato dal Professor Angelo Cecinato, che in uno studio iniziato del 2007 aveva evidenziato come nell'aria di Roma e Taranti fossero presenti tracce di cocaina.

Quanta coca

Secondo il Rapporto 2009 dell’Osservatorio europeo sulle droghe e le dipendenze, l’Italia è al 4° posto in Europa per consumo di cocaina, dopo Spagna, Regno Unito e Danimarca. 

Nelle fogne. Analizzando le tracce di cocaina nelle acque fognarie, l’Istituto Mario Negri ha calcolato che a Milano si consumano ogni giorno una media di 9,1 dosi di cocaina ogni mille abitanti (contro per esempio le 6,9 di Londra e le 6,2 di Lugano), cioè circa 10.500 in totale. Stimando che una dose media sia di 100 mg, significa un consumo complessivo di poco più di 1 kg al giorno. Dai dati del Consiglio nazionale delle ricerche, la Lombardia guida la classifica delle regioni che consumano più cocaina, seguita da Lazio, Piemonte e Liguria. Nel 2008, in Italia sono stati sequestrati 4.111 kg di cocaina, contro 1.323 di eroina e 36.486 di cannabis.

Non solo CO2
Negli anni successivi, incuriositi da questo risultato, Cecinato e il suo team hanno prelevato campioni di aria in altre 20 città della penisola, sia in estate che in inverno, trovandovi evidenti tracce non solo di cocaina, ma anche di cannabinoidi, i principi attivi contenuti nella marijuana.
Analizzando questi dati con l'aiuto di particolari modelli statistici chiamati “regressioni di Pearson”, i ricercatori sono riusciti a mettere in correlazione la quantità di stupefacenti presenti nell'atmosfera con i livelli di consumo tipici di quella determinata zona.
Non solo: la ricerca del CNR ha evidenziato significative correlazioni tra la quantità di cocaina presente nell'aria e il numero di denunce per reati contro il patrimonio e la persona come furti e rapine.

Matematico che fa male
E, se ce ne fosse ancora bisogno, Cecinato e i suoi colleghi hanno trovato uno stretto legame tra il consumo di cocaina e marijuana e l'incidenza di tumori e disordini di natura psichiatrica.
I risultati di questo lavoro, che è stato pubblicato sull'ultimo numero della rivista Science of the Total Environment, potrebbero aiutare le forze dell'ordine e le strutture di prevenzione presenti sul territorio a recuperare dati sul consumo di droga nelle diverse aree del paese in modo più preciso, rispetto a quanto fatto fino ad oggi con interviste e questionari somministrati alla popolazione.

Droga passiva?
Interessante, ma... che rischi ci sono per la salute dei non consumatori? «Non è il caso di creare allarmismi in base ai risultati di un singolo studio» rassicura Wilson Compton, epidemiologo del National Institute on Drug Abuse di Bethesda, Maryland (USA), ma sicuramente i ricercatori che hanno scoperto queste correlazioni dovranno approfondirle con ulteriori studi.

09 Gennaio 2012 | Franco Severo