Salute

Scale mobili poco salutari? Se raddoppia la distanza il 95% va a piedi

Roma, 10 lug. (AdnKronos Salute) - I tassi di mortalità legati a obesità, diabete di tipo 2, ipertensione e malattie cardiache sono in aumento. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità questo è dovuto al nostro stile di vita, sempre più sedentario. Qualcosa di semplice, come fare le scale, potrebbe fare una grande differenza. Ma come si possono convincere i pedoni a fare scelte sane, preferendo il movimento a una comoda scala mobile? Secondo i ricercatori della Peking University (Cina) e della Concordia University di Montreal (Canada), basta che le scale 'normali' siano molto, molto lontane da quelle mobili o dagli ascensori.

Per il loro studio, pubblicato su 'Environment and Behaviour', i ricercatori hanno monitorato 13 scale e 12 coppie di scale mobili in sette centri commerciali collegati nel centro di Montreal. Per un totale di 33.793 pedoni studiati in oltre 35 giorni. Quando i ricercatori hanno esaminato i dati, hanno scoperto che aumentando la distanza tra una scala normale e una mobile del 100% si influisce del 71% nella variazione di scelta degli avventori del centro commerciale 'in salita' e del 21% in discesa. Nel complesso, questo ha fatto aumentare del 95% l'uso delle scale. "I fattori ambientali sono risultati avere un impatto importante sul salire le scale. Tra di essi la visibilità della scala e la sua larghezza. Questo studio dimostra che la posizione è altrettanto importante, e dovrebbe essere presa in considerazione in fase di pianificazione di nuove costruzioni", dicono gli autori del lavoro.

10 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us