Salute

Sanità: vittime sangue infetto, condanna Italia non ripaga, pronto ricorso

Roma, 24 feb. (AdnKronos Salute) - La condanna dell'Italia, da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo, per l'irragionevole durata dei tempi dei risarcimenti per lo scandalo del sangue infetto, "non ripaga e non è la soluzione. La giustizia è ancora lontana. Davanti a una sentenza insufficiente faremo richiesta di rinvio alla 'Grande Chambre' entro aprile, ma la procedura è complessa in quanto il ricorso deve essere ammesso dal Collegio di 5 giudici e potrebbero restare fuori alcuni ricorrenti. Cercheremo di fare una forzatura, in modo che tutti vengano ammessi". Lo hanno spiegato l'avvocato Anton Giulio Lana, del Foro di Roma, e Andrea Spinetti, portavoce del Comitato vittime sangue infetto, facendo il punto in una conferenza stampa a Roma.

La vicenda del sangue infetto, secondo le stime, riguarda circa 120 mila persone tra la fine degli anni '70 e la meta' degli anni '90. Persone che per una trasfusione con emoderivati contagiati sono rimaste vittime di malattie come l'Hiv o Hcv. "La condanna della Corte di Strasburgo non basta a sanare una delle peggiori ferite nella storia della sanità italiana - spiega Spinetti - E' stata accolta positivamente una decisione che, dati alla mano, non ripaga affatto le decine di migliaia di cittadini che da oltre 30 anni attendono di essere risarcite per un danno che ha segnato le loro vite e quelle delle loro famiglie".

"Ad agosto 2014 il ministro della Salute Lorenzin con un emendamento alla legge Madia - ricostruisce Lana - ha affermato che lo Stato italiano riconosce 100 mila euro ai pazienti o agli eredi nel caso di decesso del contagiato, che erano rientrati nella domanda risarcimento del 2007. Una somma ridicola rispetto alle transazioni del 2003-2004 molto più corpose (circa 400 mila euro). Anche se alcuni hanno accettato, è una cifra discriminatoria ed è gravissimo che la Corte Edu l'abbia ritenuta una cifra congrua".

Il Comitato vittime sangue infetto, con l'Associazione Luca Coscioni e i Radicali italiani, è da sempre impegnato sullo scandolo del sangue infetto. "Lo Stato non garantisce i malati - ha affermato nel suo intervento Filomena Gallo, segretaria dell'Associazione Coscioni - Ora oltre al danno c'è anche la beffa". Anche Riccardo Magi, segretario dei Radicali italiani, ha attaccato l'insufficenza delle misure varate dal Governo italiano: "Quella delle vittime del sangue infetto è un'odissea che non si risolve - ha sottolineato Magi - Per molte persone è un vero e proprio calvario che non ha fine. Con una evidente mancanza di trasparenza e informazione su tutti i fronti".

"Insomma, non c'è soluzione né pace - ha concluso Andrea Spinetti, portavoce Comitato vittime sangue infetto - per chi suo malgrado coinvolto in questa vicenda, malato o, nell'attesa, morto.

Da vivi e morti ci costringono a un'odissea tra tribunali, false speranze e una vita vissuta a metà".

24 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us