Salute

Sanità: virologo, in India migliaia casi Dengue, medici e ospedali preparati

Palù, non credo sia motivo sanitario che imponga rientro

Roma, 28 ago. (AdnKronos Salute) - "Da cittadino dico che" il caso marò è "una vergogna, ma da medico non credo che la febbre Dengue sia un motivo sanitario valido per riportare il fuciliere in Italia. Occorre solo assicurarsi che venga trattato in centri sanitari con tutte le caratteristiche del caso, ma in India si registrano migliaia di casi di questa malattia ogni anno", contro le poche decine qui in Italia, "per cui i medici sono molto esperti". E' il parere di Giorgio Palù, presidente della Società europea di virologia e ordinario di Microbiologia e virologia all'Università di Padova, sul caso di Salvatore Girone, infettato dalla febbre Dengue in India e ricoverato a New Delhi.

"Qui in Veneto abbiamo 15 casi l'anno importati - prosegue - L'anno scorso i primi casi europei si sono registrati in Portogallo e sembra che una Dengue 'autoctona' si sia registrata in Camargue e in Croazia. Ma in Europa non abbiamo il reservoir animale, perché non c'è l'ambiente ideale per il virus, che è la giungla. La Dengue infetta centinaia di milioni di persone nel mondo con sintomi simil-influenzali non gravi e solo in una piccola percentuale, attorno al 10%, insorge la forma emorragica". C'è da dire però che "i molti vaccini studiati finora non hanno funzionato e non ci sono ancora farmaci specifici a disposizione. In caso si venga infettati una volta, poi, esiste un meccanismo immunitario particolare per cui si è più vulnerabili nei confronti di una seconda infezione, che può anche essere più grave", conclude l'esperto.

28 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us