Salute

Sanità: Usa, raid nei 'maternity hotel' dove cinesi ricche vanno a partorire

Agenti federali, pagano fino a 60 mila dollari per assicurare passaporto americano ai figli

Los Angeles, 4 mar. (AdnKronos Salute) - Li chiamano 'maternity hotel', residence nel sud della California dove donne straniere, in maggioranza cinesi, pagano fino a 60 mila dollari per poter far nascere i propri figli negli Stati Uniti, garantendo loro così la cittadinanza americana. Gli agenti federali hanno condotto raid in decine di queste strutture, nella contea di Los Angeles, di Orange e di San Bernardino, per sgominare questo particolare racket dell'immigrazione, una sorta di 'turismo della gravidanza'.

"Sulla base dei risultati della nostra indagine, le donne pagano in contanti per l'assistenza medica prima e durante il parto", hanno detto gli agenti dell'Us Immigration and Customs Enforcement, spiegando che vengono offerti dei 'pacchetti' completi con la promessa "anche del Social Security number e del passaporto per i neonati prima di lasciare gli Stati Uniti". E non mancano neanche attrazioni turistiche, come gite a Disneyland, a centri commerciali e persino al poligono. Le donne che sono state trovate dagli agenti federali nei residence sono state "interrogate ed identificate come persone informate sui fatti".

E come i normali pacchetti turistici, anche questi vengono pubblicizzati su Internet e sui social media. Per gli inquirenti si tratta di vere e proprie frodi all'ufficio immigrazione, condotte da queste finte agenzie turistiche che chiedono alle ricche clienti tra i "40 mila e i 60 mila dollari". Nel 2012 circa 10 mila donne cinesi hanno partorito negli Stati Uniti, oltre il doppio rispetto alle 4.200 del 2008.

4 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us