Salute

Sanità: sindacati, stop riorganizzazone Cri, a rischio 1.500 lavoratori

Manifestazione sotto sede ministero della Salute a Roma

Roma, 11 mag. (AdnKronos Salute) - Manifesti, fischietti e palloncini colorati per dire 'no' ai tagli al ridimensionamento della Croce Rossa Italiana (Cri). E' il presidio di protesta dei sindacati sotto il ministero della Salute "per sollecitare il Governo e la Lorenzin a un tavolo di discussione e confronto sul processo di riorganizzazione della Croce Rossa Italiana. Partito con il decreto 178 del 2012, in parte ha già esplicato i suoi effetti: dal primo gennaio 2014 sono stati privatizzati i comitati provinciali della Cri. Ma la riforma prevede la privatizzazione integrale della Cri pregiudicando i servizi garantiti alla collettività nell'assistenza sanitaria e mettendo a rischio 1.500 posti di lavoro". Lo afferma all'Adnkronos Salute Paolo Bonomo, segretario nazionale Cisl Fp, che dalle 15 insieme ad un centinaio di lavoratori manifesta sotto la sede del ministero della Salute a Roma in via lungotevere a Ripa.

"Per ora ancora non è partita la procedura di esubero per questi 1.500 lavoratori, è un'ipotesi che la Cri ha fatto - aggiunge Bonomo - Ci sono amministrativi, tecnici, sanitari, autisti di ambulanze. Il legislatore con il decreto Milleproroghe dello scorso anno ha rimandato di un anno l'entrata in vigore della privatizzazione integrale della Cri. In più nella legge di stabilità è passato un emendamento che lega la mobilità dei lavoratori della Croce Rossa con quelli delle Province. Noi sollecitiamo, e siamo qui davanti il ministero della Salute per questo, la ripresa del tavolo di confronto per procedere ad una vera riorganizzazione dell'ente. Non siamo contrari alla privatizzazione - conclude - noi siamo consapevoli che non si può tornare indietro con una Cri totalmente pubblica. Ma si devono garantire i servizi e i posti di lavoro".

11 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La smisurata ambizione di Napoleone trasformò l’Europa in un enorme campo di battaglia e fece tremare tutte le monarchie dell’epoca. Per molti era un idolo, per altri un tiranno sanguinario. E oggi la sua figura continua a essere oggetto di dibattito fra storici e intellettuali. E ancora: tra lasciti stravaganti e vendette "postume", i testamenti di alcuni grandi personaggi del passato che fecero litigare gli eredi; le bizzarre toilette con cui l’aristocrazia francese del Settecento si "faceva bella" agli occhi del mondo; nelle scuole residenziali indiane, i collegi-lager dove venivano rinchiusi i bambini nativi americani, per convertirli e "civilizzarli"; Dio, patria e famiglia nelle cartoline natalizie della Grande guerra.

ABBONATI A 29,90€

Il corpo va tenuto in forma, ma le sue esigenze cambiano nel corso della vita. Quale sport è meglio fare con gli anni che passano? E quali sono le regole di alimentazione per uno sportivo? E ancora: il primo modello numerico completo che permette di simulare il nostro cuore; perché i velivoli senza pilota stanno assumendo un ruolo fondamentale in guerra; l’impatto che l'Intelligenza artificiale avrà sull’economia e sulla società; tutto quello che si ottiene avendo pazienza.

ABBONATI A 31,90€
Follow us