Salute

Sanità: sindacati, stop riorganizzazone Cri, a rischio 1.500 lavoratori

Manifestazione sotto sede ministero della Salute a Roma

Roma, 11 mag. (AdnKronos Salute) - Manifesti, fischietti e palloncini colorati per dire 'no' ai tagli al ridimensionamento della Croce Rossa Italiana (Cri). E' il presidio di protesta dei sindacati sotto il ministero della Salute "per sollecitare il Governo e la Lorenzin a un tavolo di discussione e confronto sul processo di riorganizzazione della Croce Rossa Italiana. Partito con il decreto 178 del 2012, in parte ha già esplicato i suoi effetti: dal primo gennaio 2014 sono stati privatizzati i comitati provinciali della Cri. Ma la riforma prevede la privatizzazione integrale della Cri pregiudicando i servizi garantiti alla collettività nell'assistenza sanitaria e mettendo a rischio 1.500 posti di lavoro". Lo afferma all'Adnkronos Salute Paolo Bonomo, segretario nazionale Cisl Fp, che dalle 15 insieme ad un centinaio di lavoratori manifesta sotto la sede del ministero della Salute a Roma in via lungotevere a Ripa.

"Per ora ancora non è partita la procedura di esubero per questi 1.500 lavoratori, è un'ipotesi che la Cri ha fatto - aggiunge Bonomo - Ci sono amministrativi, tecnici, sanitari, autisti di ambulanze. Il legislatore con il decreto Milleproroghe dello scorso anno ha rimandato di un anno l'entrata in vigore della privatizzazione integrale della Cri. In più nella legge di stabilità è passato un emendamento che lega la mobilità dei lavoratori della Croce Rossa con quelli delle Province. Noi sollecitiamo, e siamo qui davanti il ministero della Salute per questo, la ripresa del tavolo di confronto per procedere ad una vera riorganizzazione dell'ente. Non siamo contrari alla privatizzazione - conclude - noi siamo consapevoli che non si può tornare indietro con una Cri totalmente pubblica. Ma si devono garantire i servizi e i posti di lavoro".

11 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us