Salute

Sanità: richieste di risonanze aumentano conflitti in studio medico di base

Annunziata (Kos), Molte domande di prescrizione e specialisti poco informati sui vincoli

Napoli, 7 giu. (AdnKronos Salute) - Le molte richieste di risonanze magnetiche fanno crescere il conflitto tra medici di famiglia e pazienti, spesso convinti a torto che si tratti di una diagnosi definitiva in ogni caso. E non aiuta la poca conoscenza dei vincoli e dei limiti da parte degli specialisti che, in molti casi, suggeriscono l'indagine. Un problema che si è accentuato con il recente decreto appropriatezza del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Lo ha spiegato, in sintesi, il presidente del Kos, cooperative mediche, Saverio Annunziata, nel corso del simposio dedicato alla risonanza magnetica in cardiologia e nelle altre discipline mediche organizzato alla Clinica Mediterranea di Napoli.

"La domanda di risonanze magnetiche, come di tutte le prestazioni ad alto costo, negli studi dei medici di famiglia è sempre molto elevata rispetto a quelli che sono i bisogni reali", ha spiegato Annunziata. Gli italiani, ha ammesso il medico, hanno poca 'cultura sanitaria' e, secondo i dati, fanno più esami diagnostici e radiologici rispetto alla media europea. "Per prescrizioni più appropriate dovremmo essere molto più aiutati dagli specialisti che, in genere, inducono la richiesta. Molto spesso, però, entriamo in conflitto con il paziente anche perché lo specialista o l'universitario non si attiene alle indicazioni 'burocratiche': non appone il timbro con il codice di iscrizione all'ordine, non specifica la diagnosi sospetta. Ci sono norme da condividere, senza le quali effettivamente il conflitto tra medico di medicina generale e il paziente, o con lo stesso specialista diventa intollerabile", conclude Annunziata.

7 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us