Salute

Sanità: richieste di risonanze aumentano conflitti in studio medico di base

Annunziata (Kos), Molte domande di prescrizione e specialisti poco informati sui vincoli

Napoli, 7 giu. (AdnKronos Salute) - Le molte richieste di risonanze magnetiche fanno crescere il conflitto tra medici di famiglia e pazienti, spesso convinti a torto che si tratti di una diagnosi definitiva in ogni caso. E non aiuta la poca conoscenza dei vincoli e dei limiti da parte degli specialisti che, in molti casi, suggeriscono l'indagine. Un problema che si è accentuato con il recente decreto appropriatezza del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Lo ha spiegato, in sintesi, il presidente del Kos, cooperative mediche, Saverio Annunziata, nel corso del simposio dedicato alla risonanza magnetica in cardiologia e nelle altre discipline mediche organizzato alla Clinica Mediterranea di Napoli.

"La domanda di risonanze magnetiche, come di tutte le prestazioni ad alto costo, negli studi dei medici di famiglia è sempre molto elevata rispetto a quelli che sono i bisogni reali", ha spiegato Annunziata. Gli italiani, ha ammesso il medico, hanno poca 'cultura sanitaria' e, secondo i dati, fanno più esami diagnostici e radiologici rispetto alla media europea. "Per prescrizioni più appropriate dovremmo essere molto più aiutati dagli specialisti che, in genere, inducono la richiesta. Molto spesso, però, entriamo in conflitto con il paziente anche perché lo specialista o l'universitario non si attiene alle indicazioni 'burocratiche': non appone il timbro con il codice di iscrizione all'ordine, non specifica la diagnosi sospetta. Ci sono norme da condividere, senza le quali effettivamente il conflitto tra medico di medicina generale e il paziente, o con lo stesso specialista diventa intollerabile", conclude Annunziata.

7 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us