Salute

Sanità: report Oms, quasi mille operatori morti per attacchi nel 2014-15

Siria, Striscia di Gaza e Iraq i Paesi con strutture più colpite

Roma, 26 mag. (AdnKronos Salute) - Gli attacchi a ospedali e centri d'emergenza nel mondo hanno causato la morte di 959 operatori sanitari e 1.561 feriti in 19 paesi che vivono una situazione di instabilità. Più del 50% degli attacchi è stato rivolto contro strutture sanitarie, il 25% direttamente contro gli operatori sanitari. La Siria (38%), la Cisgiordania e la striscia di Gaza (9%) , l'Iraq (7%) , il Pakistan (7%), la Libia (6%) sono i Paesi che hanno fatto registrare la maggior parte degli attacchi, in totale 594. Sono i dati raccolti dal report 'Attacks on health care' (2014-2015) dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Per quanto riguarda i decessi, la Siria (352), il Pakistan (102) e l'Iraq (114) sono gli Stati dove sono stati uccisi più operatori sanitari. Il 63% degli attacchi è stato diretto a ospedali, centri di cure primarie e strutture da campo, il 26% ha coinvolto direttamente medici e infermieri. Secondo il report, è stato accertato che il 62% degli attacchi è stato intenzionale.

I dati disponibili non sono stati aggregati per tipo di attacco a causa della mancanza di uno standard uniforme di classificazione, ma gli esperti dell'Oms hanno evidenziato che le violenze nei confronti di ospedali e operatori hanno riguardato bombardamenti, esplosioni, saccheggi, rapine e la chiusura forzata delle strutture. Spesso i medici e gli infermieri sono stati costretti con la forza o sotto minaccia ad agire contro la proprio volontà, e sottoposti a torture, esecuzioni e vessazioni.

26 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us