Salute

Sanità: osteopati, bene Ddl Lorenzin, ora puntare su formazione e qualità

Milano, 30 mag. (AdnKronos Salute) - Dopo il riconoscimento istituzionale, il bisogno di lavorare a percorsi formativi 'doc', garanzia di cure di qualità. Questo il messaggio dal II Congresso del Roi-Registro osteopati italiani, che si è svolto il 26 e 27 maggio in un hotel dell'area ex Expo di Milano, con oltre 150 esperti partecipanti e un successo 'social': 45 post su Facebook, per un totale di 80 mila visualizzazioni e oltre 1.200 like.

La categoria ha evidenziato "la necessità di creare delle 'core competence' osteopatiche, essenziali per la definizione del profilo e del percorso formativo dell'osteopata". Che pratica una vera e propria "professione sanitaria, con i suoi modelli di riferimento, e non un insieme di tecniche".

"L'approvazione del Ddl Lorenzin in prima lettura al Senato ha creato una spinta ancora più forte verso la qualità e lo sviluppo delle competenze nell'esercizio della professione. E' la strada giusta per essere riconosciuti sempre di più come professionisti seri da tutti gli italiani che scelgono i trattamenti osteopatici", ha affermato Paola Sciomachen, presidente del Roi che conta circa 2.500 iscritti.

"E' stato un percorso difficile, lungo e non scontato quello che ha portato all'approvazione in Senato del Ddl Lorenzin e dell'articolo che riconosce l'osteopatia come professione sanitaria - ha sottolineato intervenendo al meeting Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione Igiene e Sanità al Senato, secondo quanto riporta il Roi in una nota - Questo primo importante risultato è frutto di un lavoro di squadra che è prima di tutto per i cittadini, per offrire loro un servizio sanitario migliore. C'è ancora molta strada da fare. Certo è che il Senato ha votato in modo coeso come poche volte: c'è bisogno anche degli osteopati nel Ssn".

Per il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la 2 giorni è stata "l'occasione per continuare il dibattito sull'importanza di regolamentare in Italia la figura dell'osteopata come professione sanitaria - ha osservato in un messaggio scritto - con una particolare riflessione sulle tematiche concernenti le competenze e la formazione dell'osteopata, anche alla luce della norma Cen di recente approvazione sull'osteopatia".

Fra i relatori lo storico della medicina Giorgio Cosmacini, la docente in scienze infermieristiche Alvise Palese e Jorge Esteves, a capo della ricerca alla British School of Osteopathy di Londra e tra i protagonisti del riconoscimento della professione in Portogallo. Un'attenzione particolare è stata rivolta alle nuove leve dell'osteopatia e alle loro ricerche sull'efficacia dei trattamenti osteopatici contro alcuni disturbi molto diffusi: dalla dismenorrea primaria all'asma bronchiale, dal reflusso gastroesofageo infantile alle disfonie.

30 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Da Suzy Solidor ad Alice Prin, da Luisa Casati a Dora Maar. Ambizioni, amori, talenti ed eccentricità delle donne che hanno ispirato i più grandi artisti del Novecento (e non solo). E ancora: dalle latrine romane al trono-gabinetto del Re Sole, la storia del bagno e dei nostri bisogni più intimi; i prìncipi secondogeniti che si sono ribellati alle leggi di successione, e ne hanno combinate di tutti i colori.

ABBONATI A 29,90€

Alla scoperta della pelle, l’organo più esteso del corpo che si rinnova in continuazione e definisce il nostro aspetto. E ancora: come funziona il nuovo farmaco per il tumore della mammella; le ultime meravigliose sorprese della Via Lattea; l'addestramento degli equipaggi degli elicotteri di salvataggio; dove sono le riserve maggiori di gas e con quali tecniche si estrae e distribuisce.

ABBONATI A 31,90€
Follow us