Salute

Sanità: Oms, in Ue un cittadino su 3 a rischio esposizione amianto

Un terzo dei 900 mln di abitanti vive in 16 Paesi che non ne hanno ancora vietato l'utilizzo

Roma, 30 apr. (AdnKronos Salute) - Almeno un cittadino europeo su tre potrebbe essere esposto all'amianto sul proprio posto di lavoro o nell'ambiente in cui vive. E questo perché circa un terzo dei 900 milioni di persone che abitano nella regione europea dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) vive in Paesi che non hanno ancora vietato l'utilizzo di tutte le forme di questa sostanza altamente nociva. E negli Stati in cui l'amianto è vietato, l'esposizione persiste a causa dell'uso che se ne è fatto in passato. A lanciare l'allerta sono gli esperti riuniti per un meeting sul tema ad Haifa (Israele). Oltre 200 rappresentanti dei Paesi europei e delle organizzazioni internazionali e non governative hanno partecipato alla riunione, organizzata per valutare i progressi globali su ambiente e salute in Europa.

L'esposizione all'amianto può causare cancro ai polmoni, alle ovaie e della laringe, mesotelioma e asbestosi: il modo più efficiente per eliminare queste malattie è impedire l'uso di tutti i tipi di amianto. Mentre 37 dei 53 Stati membri della Regione Ue hanno vietato l'uso di tutte le forme di amianto, ce ne sono ancora 16 (Albania, Andorra, Armenia, Azerbaijan, Belarus, Bosnia Herzegovina, Georgia, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Monaco, Moldavia, Federazione Russa, Tajikistan, Turkmenistan, Ucraina e Uzbekistan) che lo utilizzano ancora, soprattutto in materiali da costruzione, e alcuni continuano a produrlo e a esportarlo. Ma anche dopo che il suo utilizzo è cessato, l'amianto rimane nell'ambiente, quindi ha bisogno di essere rimosso in modo sicuro e smaltito senza indugio, avverte l'Oms.

30 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us