Salute

Sanità: Lorenzin, su utero in affitto dibattito rimasto fuori da società

Roma, 4 feb. (AdnKronos Salute) - "Invito le donne dei partiti ad approfondire il dibattito sull'utero in affitto legato la step child adoption. Credo, infatti, che su tutta la norma il confronto sia stato concentrato troppo dentro il senato e poco nella società. E questo non va bene" . Lo ha sostenuto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin ad un incontro, oggi a Roma, sulla dislessia. "Non c'è stata l'attenzione che doveva esserci su questo tipo di adozione, che fa entrare dalla finestra quello che era uscito dalla porta anche con l'applicazione della norma sull'eterologa pochi mesi fa, vietata a coppie dello stesso sesso".

Per quanto riguarda l'utero in affitto Lorenzin ha ribadito che "si tratta di una nuova schiavitù, una forma di 'ultra prostituzione'". Altro tema importante, che secondo il ministro avrebbe dovuto essere affrontato "con pacatezza" è quello dei bambini che già ci sono. "Ci deve essere la massima tutela. E non ci può interessare come questi bambini siano stati concepiti". Ciò che potrebbe essere fatto, in un dibattito più approfondito in parlamento, è "capire, a partire da l'ascolto di diversi soggetti - il tribunale dei minori, le associazioni che si occupano di affidamenti - se l'istituto attuale, quello dell'adozione speciale e della continuità affettiva, basta a coprire le tutele che si rendono necessarie per questi bambini. Altrimenti troviamo un modo concreto e ponderato per risolvere le diverse questioni. Questi bambini non possono essere discriminati e vale la pena lavorare per un intervento normativo. Come ho già più volte detto sono favorevole alle unioni civili. Ma sulla genitorialità c'è stato poco dibattito e oggi il tema rientra prepotentemente in campo" .

4 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us