Salute

Sanità: Lorenzin, no tagli ma molte misure positive in Dl enti locali

Roma, 28 lug. (AdnKronos Salute) - "Ancora si fa molta confusione: nel Dl enti locali non ci sono tagli, ma il recepimento di un'intesa votata da tutte le Regioni (altrimenti non sarebbe passata) con la volontà di rinunciare all'aumento del Fondo sanitario nazionale. E' stata una decisione delle Regioni, non del Governo", per evitare a loro volta i tagli imposti dalla legge di Stabilità 2015. Nel provvedimento oggi all'esame del Senato, comunque, "c'è una serie di misure positive". A dirlo all'Adnkronos Salute il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

"Non c'è nessun taglio previsto nemmeno per il 2016-2017 - ribadisce il ministro - l'ho detto in tutte le salse. Io ho sempre detto no a nuovi tagli, ma è necessario implementare il Patto della salute, attraverso il quale è vero che è possibile recuperare 10 miliardi di euro, che vanno però reinvestiti in sanità".

Secondo Lorenzin, "c'è più di un provvedimento positivo per il settore, come la norma che prevede la possibilità di assumere con concorso personale specializzato all'Agenzia italiana del farmaco", cosa che potrà velocizzare "i processi autorizzativi dei nuovi medicinali, visto che la preoccupazione di molti cittadini è che i farmaci autorizzati non sono poi disponibili".

"Inoltre aumentiamo le ispezioni nell'industria - sottolinea - e rendiamo così più sicuri i prodotti fatti in Italia, che diventano più esportabili, rendendo il nostro Paese più competitivo nei confronti di Germania" e altri Stati europei nel settore della farmaceutica.

Lorenzin si dice soddisfatta per il "fondo di 33,5 milioni di euro per la ristrutturazione dei pronto soccorso romani in vista del Giubileo speciale, e per l'acquisto di nuove autoambulanze e l'assunzione di personale come gli anestesisti che possano far fronte" all'afflusso di pellegrini nella Capitale.

28 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us