Salute

Sanità: l'indagine, sui social migranti percepiti come pericolo per salute

Alcuni esponenti politici e giornalisti alimentano timori con post e commenti

Roma, 5 ott. (AdnKronos Salute) - I viaggi delle speranza dei migranti che scappano dai conflitti nel loro paese d'orgine e le notizie del loro arrivo sulle coste italiane in condizioni molto precarie "sono quelle che più hanno colpito gli italiani, con il 52% degli intervistati che si sente minacciati da questa nuova ondata. Sono diverse le ragioni per cui la presenza dei migranti è percepita come un rischio, tra queste spiccano i 'timori per la salute'. In particolare per la scabbia, seguita da malaria e tubercolosi". E' quanto emerge dall'indagine realizzata dall’osservatorio socio-politico Lorien Consulting, che ha analizzato come questo tema è stato discusso sui social media tra giugno e agosto 2015.

Ad alimentare - secondo la ricerca - i timori verso i rischi per la salute portati dai migranti sono alcuni esponenti politici e giornalisti con i loro post sui social network o nei loro interventi.

Blogmeter ha deciso di indagare come, sui social media, le persone parlano di questo tema: 'Quali sono i rischi percepiti? Chi guida il dibattito? Quali sono le emozioni che emergono dalle conversazioni?'. I risultati di questa analisi sono stati presentati nel corso del seminario 'Notizie sulla salute a forte impatto emotivo', tenutosi per l’Ordine dei giornalisti della Lombardia.

Dalle discussioni in rete "emerge che il tema della salute, in relazione ai migranti, è discusso prevalentemente in base ai rischi di contagio, piuttosto che alle effettive condizioni sanitarie o all’accesso alle cure dei migranti stessi. In particolare - precisa l'indagine - la patologia più citata, con oltre il 60% dei messaggi, è la scabbia, ritenuta una malattia esotica nonostante il parassita sia presente a tutte le latitudini, seguita dalla malaria e dalla tubercolosi".

Tra gli eventi che hanno portato a generare questa sensazione di 'pericolo di contagio' - ricorda il report - c’è stata l’identificazione di alcuni casi di scabbia e malaria alla Stazione Centrale di Milano, dove si era creato un centro di accoglienza provvisorio: evento ripreso dai siti di news e da alcuni esponenti politici che sui propri profili social ne hanno parlato in toni indignati, generando numerosi commenti.

Per riuscire a capire meglio quale sia l’atteggiamento prevalente nei confronti del tema, le conversazioni sono state analizzate dal motore semantico di Blogmeter, configurato per identificare le emozioni riconosciute come primarie dalla letteratura psicologica, ovvero: amore, gioia, stupore, tristezza, paura, disgusto, rabbia.

"Su Facebook prevalgono le emozioni negative - osserva Blogmeter - dove i toni urlati della propaganda politica influenzano fortemente gli utenti, si rilevano prevalentemente emozioni di disgusto - per le condizioni igieniche delle aree in cui si concentrano maggiormente i migranti e in generale per la situazione ritenuta fuori controllo - e rabbia, da un lato contro la gestione della situazione di emergenza da parte dei politici che non attuano politiche di controllo e dall’altro contro la disinformazione orientata a influenzare le opinioni".

"La rabbia viene anche espressa contro l’ipocrisia, sia di chi si professa cristiano e poi non vuole accogliere chi si trova in una situazione di bisogno, sia di chi invece si schiera a difesa dei migranti minimizzando i problemi di ordine pubblico e i timori dei cittadini - analizzano gli esperti di Blogmeter - Nei portali di news prevale invece un tono più obiettivo, a cui spesso seguono commenti con un tono di tristezza per le vicende vissute e il destino dei migranti. Twitter invece vede prevalere la paura, in quanto si condividono le notizie relative ai casi di scabbia e si parla maggiormente dei rischi per la salute, pur con esponenti del terzo settore attivi sul campo che ricordano che la malaria non è contagiosa".

5 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us