Salute

Sanità: Italia sotto media Ue per vaccini, screening e farmaci innovativi

Dati Rapporto Meridiano Sanità

Roma, 10 nov. (AdnKronos Salute) - L'Italia ha performance "nettamente inferiori alla media europea per l’area 'Capacità di risposta ai bisogni di salute' che monitora i tassi di copertura vaccinale (per bambini e anziani) e il tasso di copertura degli screening, il consumo di farmaci innovativi e i posti letto per lungodegenze". E' quanto emerge dal Rapporto Meridiano Sanità, elaborato da The European House-Ambrosetti e presentato oggi a Roma. "Le criticità riscontrate, se non adeguatamente affrontate rischiano di compromettere anche lo stato di salute della popolazione", evidenzia il report.

Si registrano forti difformità anche a livello regionale. Il Meridiano Sanità Regional Index – indice di valutazione multidimensionale delle performance dei sistemi sanitari regionali - mostra che ci sono aree di indagine in cui le disomogeneità regionali sono più accentuate che in altre.

Ad esempio, per quanto riguarda l''area dell’equità e della capacità di risposta ai bisogni di salute', ossia la dimensione che più ci penalizza rispetto ad altri Paesi europei, "il livello di difformità è il maggiore registrato". "Questo indica che la performance media nazionale viene drasticamente ridimensionata dalle Regioni del Sud - precisano gli esperti - che sui temi della prevenzione, di gestione degli anziani e delle cronicità e della equità del sistema devono compiere molti passi in avanti".

Gli esperti ricordano i dati pubblicati dall’Ocse nel report Health Statistics 2015, che fissano la spesa sanitaria pro capite totale (pubblica e privata) in Italia a quota 2.355 euro (valore espresso a parità di potere d’acquisto, anno 2013). Il confronto con la Germania, la Francia e il Regno Unito e con la media europea (Ue-14) evidenzia un divario molto rilevante, compreso tra il 13% con il Regno Unito e oltre il 51% con la Germania.

"Se questa fotografia fosse stata scattata nel 1990 la situazione sarebbe stata molto diversa - osservano - con la spesa pro capite degli italiani superiore del 25% rispetto a quella inglese, pressoché allineata a quella francese e inferiore a quella tedesca del 25%, la metà rispetto ad oggi".

Le proposte di Meridiano Sanità sostengono la necessità di tornare a investire. "Questo rappresenta un indirizzo strategico prioritario per il Paese, in considerazione del fatto che mantenere elevati livelli di salute e qualità della vita delle persone costituisce anche un elemento imprescindibile per lo sviluppo e la crescita economica del Paese".

Meridiano Sanità propone dunque un approccio strategico per la prevenzione, che prevede di "riconoscere il ruolo determinante della prevenzione e della promozione e tutela della salute per lo sviluppo sociale, la crescita economica e la sostenibilità del welfare e diffondere tale visione in tutte le politiche; combattere le malattie infettive (vecchie e nuove) e ridurre i fattori di rischio per le patologie croniche non trasmissibili ad 'alto impatto' sul sistema in termini di salute e di costi sanitari (in primis malattie cardiovascolari, tumori, diabete)".

Mentre - secondo gli esperti - a livello più operativo, occorre "lanciare una campagna informativa autorevole e chiarificatrice di comunicazione sull'importanza, il valore e la sicurezza delle vaccinazioni; implementare il nuovo Piano nazionale della prevenzione vaccinale in modo omogeneo e monitorarne l'applicazione e i risultati; aumentare l'estensione e ridurre le disomogeneità regionali dei programmi di screening; individuare e diffondere le soluzioni più efficaci (sia tra i programmi di modifica dei comportamenti che tra le soluzioni terapeutiche innovative) per la riduzione dei fattori di rischio modificabili (sedentarietà, fumo, sovrappeso e obesità, sindrome pre-metabolica, ipertensione, ipercolesterolemia) delle patologie ad 'alto impatto'".

10 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us