Salute

Sanità: Ipasvi, abolire Tasi e Imu non serve se poi bisogna pagarsi cure

Appello a unità in difesa Ssn e contro tagli in vista prossima Legge stabilità

Roma, 3 set. (AdnKronos Salute) - Abolire Tasi e Imu sulla prima casa è "sicuramente una boccata di ossigeno per i cittadini che attualmente sono ai vertici delle tassazioni a livello europeo, se non mondiale. Ma un cittadino senza Tasi e Imu e con problemi di salute e necessità di spendere di tasca propria per far fronte a questi bisogni inderogabili, non è un cittadino felice". Lo sottolinea Barbara Mangiacavalli, presidente nazionale dei Collegi Ipasvi che, in vista della Legge di stabilità e delle misure sulla sanità, lancia un appello a tutti gli attori del Ssn a far fronte comune contro i tagli, in difesa del sistema.

"La strada delle razionalizzazioni e della riduzione di sprechi, anno dopo anno - ricorda Mangiacavalli - è diventata l’autostrada dei tagli dell’economia nazionale: a ogni manovra, per ogni passo della spending review dettata da esigenze interne, ma anche dal rispetto dei parametri europei, ogni volta che si pronuncia la parola 'risparmio' un pezzetto di sanità pubblica resta sul tavolo dei tagli, quasi sempre, per ora, lineari".

"Sappia il Governo Renzi e chi al suo interno dovrà prendere le decisioni e fare scelte che il Servizio sanitario nazionale universalistico e di altissima qualità come il mondo ci riconosce - prosegue - è davanti a un vero e proprio baratro oltre il quale universalismo, equità e qualità resteranno solo parole vuote e destinate a cadere nel nulla". Per l'Ipasvi è "ora di dire davvero basta".

"Ognuno faccia la sua 'vera parte' - invita Mangiacavalli - sindacati e associazioni sinergicamente lavorino su piattaforme contrattuali che possano finalmente riconoscere le competenze e non solo il 'disagio'. Politici e Governo abbandonino l’idea di pensare ad altri tagli mascherati sotto la veste di ipotetici risparmi e mettano in campo risorse e strumenti veri di controllo - afferma - in modo che tutto ciò che già c’è sulla carta e nelle leggi si realizzi davvero. Le Regioni non alimentino sterili contradditori l’una con l’altra nella convinzione che la causa dei deficit è sempre del vicino".

"L'autunno non deve essere 'caldo' come molti minacciano, ipotizzano o paventano, ma razionale e intelligente. Noi siamo pronti a fare la nostra parte ai tavoli della concertazione per disegnare un nuovo modello di Ssn non più all’ombra dei tagli, ma un servizio razionale e di qualità in grado di erogare servizi appropriati. Riorganizzare mezzi, persone e funzioni per razionalizzare la filiera è l'unica strada per garantire ai cittadini e al sistema un reale recupero di efficienza senza ridimensionare i servizi: meno spesa inutile, meno procedure e più investimento nella presa in carico dei pazienti.

Il Governo, le Regioni e anche tutte le professioni devono capirlo: non è più un invito, ma una questione di 'vita o di morte' del Ssn", conclude.

3 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us