Salute

Sanità: interventi più rapidi con 'pagelle' a ospedali

Programma esiti, fratture femore trattate entro 48 ore passate dal 28% al 45% in 5 anni

Roma, 20 ott. (AdnKronos Salute) - Dare le 'pagelle' agli ospedali italiani funziona. Negli ultimi anni - da quando è stato istituito il Programma nazionale esiti, che mette a confronto le performance delle strutture sanitarie - si registra un aumento del numero degli interventi chirurgici effettuati nei tempi stabiliti dalle linee guida internazionali. Il caso più emblematico, che fotografa al meglio questo nuovo corso, è rappresentato dall'intervento per ricomporre la frattura del femore: la proporzione di fratture di femore operate entro due giorni - come prevede la procedura medica corretta - è infatti passata dal 28,7% del 2008 al 45,7% del 2013.

E' quanto emerge dal Programma nazionale esiti 2014, sviluppato dall'Agenzia per i servizi sanitari regionali (Agenas) per conto del ministero della Salute, presentato oggi a Roma. Il programma mette a confronto le performance delle strutture sanitarie di tutte le regioni, in base a 129 indicatori che vanno dalla mortalità a 30 giorni per ictus a quella per infarto, dalla proporzione dei parti con taglio cesareo alle complicanze a 30 giorni per colecistectomia. Non si tratta di graduatorie, pagelle o classifiche, ma di uno strumento a disposizione delle Regioni, delle aziende e degli operatori per il miglioramento delle performance, precisano i promotori.

Anche per quanto riguarda l'intervento di angioplastica - efficace nel ridurre la mortalità per infarto acuto del miocardio - si registrano segnali incoraggianti: la proporzione di infarti trattati entro due giorni è passata dal 27,9% del 2008 al 39,6% del 2013.

Non mancano però le criticità. Per quanto riguarda la frattura del collo del femore, ad esempio, a fronte di un valore nazionale medio del 45,7% di interventi entro due giorni, si osserva una notevole variabilità intra e interregionale con valori per struttura ospedaliera che variano da un minimo dell'1% a un massimo del 98%. Malgrado le diversità fra regione e regione, i segnali però sono buoni: mentre nel 2011 tutte le regioni del Sud avevano valori medi inferiori ai valori nazionali, nel 2013 la Sicilia registra valori medi superiori a quelli nazionali, mentre la Basilicata e il Lazio raggiungono i valori medi nazionali, paragonabili a Lombardia e Umbria.

Valori difformi anche per quanto riguarda gli interventi di angioplastica: a fronte di un valore nazionale medio del 39,6%, si osserva infatti una notevole variabilità intra e interregionale con valori per struttura ospedaliera che variano da un minimo dello 0,5% a un massimo del 95%.

"Le evidenze scientifiche e gli stessi dati del Programma - spiegano gli esperti dell'Agenas - dimostrano che la pubblicazione dei dati e l'utilizzo di queste misure come strumento di governo del sistema migliora la qualità delle cure.

Un uso però riduttivo e meccanicistico delle misure di esito per definire incentivi o sanzioni - osservano gli esperti - può determinare effetti indesiderati e opportunismi di codifica dei sistemi informativi, che rischiano di inficiare le valutazioni e che per questo vanno attentamente monitorati".

20 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us