Salute

Sanità: infermiera killer, omicidi tra gennaio 2014 e settembre 2015

La donna arrestata era sempre in reparto il giorno della morte dei 13 pazienti

Livorno, 31 mar. (AdnKronos Salute) - I 13 delitti all'ospedale di Piombino, per cui è stata arrestata un'infermiera professionale, sono stati compiuti tra l'inizio del 2014 e l'autunno del 2015. I decessi dei pazienti, vittime delle dosi massicce di eparina iniettate dall'infermiera sotto accusa, si sono verificati nel 2014 in queste date: 19 gennaio, 27 giugno, 22 settembre, 2 ottobre, 24 novembre, 26 novembre, 20 dicembre, 28 dicembre. E nel 2015 nei giorni 9 gennaio, 11 marzo, 1 luglio, 9 agosto, 29 settembre.

I carabinieri del Nas di Livorno, a seguito di accurate verifiche sui turni di servizio di tutto il personale nel Reparto di anestesia e rianimazione, sono anche riusciti ad accertare come "unica e ricorrente" presenza in tutti i turni sospetti, correlati alle morti, l'infermiera che è stata arrestata. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Livorno, Antonio Pirato, nei confronti dell'infermiera professionale, con relativo decreto di perquisizione, è stata eseguita nella tarda serata di ieri dai carabinieri del Nas di Livorno, con la collaborazione dei militari del comando provinciale.

L'infermiera, dopo l'arresto e la perquisizione nella sua abitazione, è stata associata presso la sezione femminile della casa circondariale Don Bosco di Pisa, a disposizione dell'autorità giudiziaria. E' ritenuta responsabile di 13 omicidi volontari nei confronti di altrettanti pazienti, tutti ricoverati, a vario titolo e per diverse patologie, presso l'Unità operativa di anestesia e rianimazione dell'ospedale civile di Piombino.

L'indagine, iniziata a metà del 2015 e condotta dai carabinieri del Nas di Livorno, coordinati dal pubblico ministero Massimo Mannucci della Procura della Repubblica di Livorno, è scaturita da una segnalazione per un'ennesima e inspiegabile morte nell'ospedale piombinese di un anziano uomo per emorragie diffuse, non direttamente collegabili alle patologie di cui era affetto.

L'attività investigativa del Nas - coadiuvato nelle varie fasi dal Reparto analisi criminologiche della sezione di psicologia investigativa e dalla Sezione atti persecutori del raggruppamento carabinieri investigazioni scientifiche (Racis) di Roma - ha consentito di accertare la responsabilità dei delitti, che sarebbero stati commessi dall'infermiera arrestata, in servizio presso l'ospedale di Piombino da numerosi anni.

La complessa indagine ha messo in luce anche le modalità con le quali l'infermiera avrebbe provocato la morte dei 13 pazienti, ovvero attraverso l'iniezione letale del farmaco anticoagulante eparina, tanto da determinare, soprattutto in alcuni casi, una rapida, diffusa e irreversibile emorragia con conseguente morte.

La presenza dell'eparina è stata riscontrata nei rispettivi esami emato-chimici effettuati sui pazienti nel corso dell'ordinario monitoraggio clinico, che hanno evidenziato una concentrazione, in alcuni casi, anche 10 volte superiore rispetto a quelle compatibili con le consentite dosi terapeutiche.

I pazienti deceduti, uomini e donne di età compresa fra i 61 e gli 88 anni, in molti casi avevano patologie per le quali la somministrazione dell'eparina non rientrava nelle possibili terapie.

I 13 decessi, 12 dovuti a scoagulazione del sangue e uno ad arresto cardiaco, ma ugualmente riconducibile alla somministrazione di altro farmaco, hanno alterato il totale nelle statistiche della struttura sanitaria di Piombino.

Adesso le indagini del Nas sono concentrate per far luce sulle motivazioni che hanno portato agli insani gesti, verosimilmente da collegare allo stato psichico dell'infermiera arrestata, in particolare a depressione, uso di alcol e di psicofarmaci.

31 marzo 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us