Salute

Sanità: indagine, tra stress e insonnia identikit del medico 'malato' di super-lavoro

Roma, 14 apr. (AdnKronos Salute) - Impegnato in turni continui, sostituzioni e straordinari, spesso ha problemi di sonno, fatica a conciliare professione e famiglia, è stressato e non riesce nemmeno a mangiar sano e fare sport. Così troppo spesso da medico si trasforma in paziente. E' quanto emerge dall'indagine realizzata da Anaao Giovani su un campione di camici bianchi, che ha esaminato circa 2.000 risposte suddivise per aree geografiche e per età degli intervistati. Dall'identikit che ne risulta scopriamo un medico ospedaliero stressato, che vive la propria attività lavorativa come causa di una vita privata insoddisfacente: gestisce da solo fino a 22 pazienti e più al giorno. Svolge dalle 7 alle 16 guardie al mese e spesso, per carenze d'organico, è costretto a lavorare anche dopo il turno notturno.

Non riesce ad usufruire della pausa pranzo in orario di lavoro. Non ha tempo per coltivare un hobby o uno sport. Accumula oltre 150 ore annue di straordinario, che difficilmente potranno essere recuperate o monetizzate. Non è tutto. Questo stile di vita, professionale e personale, porta inesorabilmente il medico a trasformarsi in malato con pesanti ripercussioni sulla sua salute fisica e mentale. Dall'indagine emerge infatti che oltre a soffrire di malattie cardiovascolari e metaboliche, il medico italiano oggi presenta rilevanti disturbi del sonno e psicologici. In questi ultimi anni, caratterizzati da cospicui tagli finanziari, il medico si trova sempre più isolato e "privo di quel ruolo sociale goduto nel passato, a difendere il diritto fondamentale alla salute sancito dall'articolo 32 della Costituzione", rileva Anaao Giovani.

Un professionista stretto in una morsa che lo vede da una parte subire imponenti riorganizzazioni sanitarie che falciano ospedali, posti letto, organici, con dichiarazioni di esuberi che bloccano la possibilità di nuove assunzioni, dall'altra spettatore di bombardamenti mediatici che annunciano come nel Ssn si annidino imponenti sprechi, senza indicare le reali possibilità di recupero di tali risorse. "Ai medici viene richiesto di operare senza supporti tecnologici, organizzativi e logistici adeguati, se si pensa che in altri Paesi europei, come la Germania o la Francia, l'investimento nel sistema sanitario è di 30 miliardi di euro superiore e la dotazione di posti letto arriva al 6-8 per 1.000 abitanti".

I politici che 'urlano' alla medicina difensiva e alla mala gestione come fenomeni da contrastare per recuperare risorse, scrive l'Anaao Giovani, non possono esimersi dal denunciare anche le proprie di responsabilità, come la mancata legiferazione in tema di responsabilità professionale, accettando con coraggio che tali risorse dovrebbero essere magari reinvestite per l'ammodernamento strutturale e tecnologico del sistema sanitario e in capitale umano che ne rappresenta il bene più importante ed insostituibile.

"Si apre uno spazio inedito per l'attività sindacale – commenta Costantino Troise, segretario nazionale Anaao Assomed - chiamata a collocare la politica del miglioramento delle condizioni di lavoro in un contesto generale, al di fuori della logica di aspetto settoriale, cogliendo il nesso teorico e pratico tra contenuti e modalità lavorativi e ruolo politico e sociale. E' in gioco - conclude - anche la nostra salute e la nostra vita, non solo professionale".

14 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us