Salute

Sanità: in Siria Is vieta parto cesareo, è complotto occidentale

Damasco, 31 mar. (Adnkronos Salute/Aki) - Lo Stato Islamico (Is) ha vietato ai medici per legge di praticare parti cesarei nell'autoproclamato Califfato, in quanto considerata una tradizione importata dall'Occidente e quindi non legittimata dall'Islam. Se costretti a farlo, i medici dell'Is dovranno applicare alla partoriente una tassa di 15mila lire siriane, pari a due mesi di stipendio di un lavoratore medio in Siria. Chi non rispetta la nuova legislazione in materia verrà giudicato dai tribunali islamici e sarà sottoposto a una punizione severa. Una regola, quella inserita dai jihadisti, mirata a dissuadere gli ospedali siriani a eseguire parti cesarei di routine.

E' crescente l'opposizione dei religiosi islamici agli sviluppi in campo ginecologico e in particolare all'assistenza che può essere fornita a una partoriente per alleviare i dolori del travaglio e del parto. Secondo l'Is, l'aumento dei parti cesarei in Medioriente è visto come parte di un complotto occidentale contro le madri musulmane.

Anche il teologo saudita Sheikh Muhammad ibn Salih al Uthaymeen aveva stabilito che le madri musulmane non necessitassero di assistenza e di antidolorifici durante il parto. Sul suo sito Internet è pubblicato un suo intervento a proposito della chirurgia applicata al parto, ovvero al ''parto cesareo'' che lui ha definito come ''un complotto contro i musulmani, perché più nascite avvengono in questo modo, più la pelle dell'addome è indebolita e la gravidanza diventa più pericolosa per la donna, che così non può più restate incinta''.

I leader dello Stato Islamico stanno cercando di costruire un proprio sistema sanitario, facendo anche appello ai medici di tutto il mondo a recarsi in Siria e in Iraq per far parte delle loro equipe. All'inizio dell'anno l'Is ha annunciato l'apertura della Facoltà di Medicina di Raqqa, nel nord della Siria, dove si tiene un corso di laura triennale secondo il cosiddetto 'curriculum islamico'.

31 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us