Salute

Sanità: in Egitto deputato difende infibulazione, compensa impotenza maschile

Il Parlamento apre un'inchiesta sulle dichiarazioni di Ehhami Agina

Il Cairo, 7 set. (AdnKronos Salute/Aki) - "Per abbandonare la pratica delle mutilazioni genitali femminili in Egitto c'è bisogno di uomini forti sessualmente, ma nel Paese non ce ne sono". E' questa la dichiarazione shock del deputato egiziano Elhami Agina, che ha spinto il presidente del Parlamento Ali Abdel Aal ad aprire un'inchiesta interna alla luce delle numerose denunce pervenute in seguito alle sue parole, considerate una "grave offesa al popolo e al Parlamento egiziani".

A fine agosto, il Consiglio dei ministri egiziano ha approvato un progetto di legge per inasprire le sanzioni previste per chi pratica le mutilazioni genitali femminili, passando da un periodo di carcere compreso fra i 3 mesi e i 3 anni a un minimo di 5 anni fino a un massimo di 7, ma Agina è fra i deputati che si sono opposti a questi emendamenti. "Siamo un popolo in cui gli uomini soffrono di impotenza sessuale e la prova è che l'Egitto è tra i principali Paesi consumatori di stimolanti sessuali, che solo gli impotenti assumono", ha dichiarato Agina nei giorni scorsi, come si legge sul sito di notizie egiziano 'Youm 7'. Stando al deputato, è per questa ragione che in Egitto non si può fare a meno della pratica delle mutilazioni genitali femminili: "Se abbandoniamo questa pratica abbiamo bisogno di uomini sessualmente forti, ma qui non abbiamo uomini del genere", ha detto.

Questo - ha aggiunto il deputato, già noto per aver chiesto di vietare la pratica di salutarsi scambiandosi un bacio in pubblico per evitare il diffondersi di malattie - nell'ottica di realizzare "la parità tra gli uomini e le donne", dal momento che le mutilazioni "riducono il desiderio sessuale femminile" che gli uomini egiziani non sono in grado di soddisfare. Infatti, è solo se "le donne stanno a fianco degli uomini" che il rapporto coniugale "può andare avanti".

Nonostante il deputato abbia cercato di chiarire le sue dichiarazioni, sostenendo in un programma televisivo che "le mutilazioni sono un crimine" e di aver "rifiutato questa pratica per le mie figlie", si è detto comunque contrario al progetto di legge approvato a fine agosto dal governo, perché a suo dire il diritto "non riuscirà a intaccare questa pratica familiare consolidata", e perché "la giovane che la subisce non può presentare un esposto contro i suoi genitori in quanto è solo una bambina".

Secondo un rapporto dell'Onu del giugno 2015, l'Egitto è il Paese che più di ogni altro al mondo pratica mutilazioni genitali femminili, dato confermato da un altro rapporto diffuso a maggio dal governo del Cairo, nel quale si precisa che il 92% delle donne sposate di età compresa tra i 15 e i 49 anni è stata sottoposta a questa pratica.

7 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us