Salute

Sanità: il report, con Def sempre più povera, -3,5 mld nel 2017

Cecconi, tagli già decisi in una intesa Stato-Regini finora rimasta nascosta

Roma, 11 apr. (AdnKronos Salute) - Il Documento di economia e finanza (Def) 2016 approvato dal Consiglio dei ministri venerdì "rivela che i tagli alla sanità per i prossimi anni sono già stati decisi in una intesa Stato-Regioni dell'11 febbraio scorso: -3,5 mld nel 2017 e -5 mld dal 2018. Ma l’intesa è rimasta, finora, nascosta. Così la spesa sanitaria in percentuale sul Pil, ipotizzata dal Def, scende dal 6,8% attuale (già sotto la media dei Paesi Ocse) al 6,7% del 2017, al 6,6% del 2018 fino al 6,5% del 2019". E' quanto denuncia il report realizzato da Stefano Cecconi, responsabile Politiche della salute, non autosufficienza, terzo settore, dipendenze della Cgil e pubblicato sul sito www.sossanita.it.

"L'intesa Stato-Regioni ha dunque anticipato il Def - prosegue Cecconi - scaricando sulla sanità i tagli previsti dall’ultima legge di stabilità (il contributo di Regioni e Pa alla manovra): 3,5 miliardi nel 2017 e 5 miliardi a decorrere dal 2018. Di conseguenza è stato fissato il livello del finanziamento sanitario (Fsn) a 113 mld nel 2017 e a 114,9 mld nel 2018, così il fondo rimane ben al di sotto della crescita del Pil nominale e non copre nemmeno l’aumento dei prezzi".

"Il risultato, precisa il Def, è possibile associando le riduzioni di spesa per beni e servizi a quella per il personale - osserva Cecconi - dunque si continuano a colpire servizi, prestazioni e condizioni di lavoro. Ma è il crollo dell’incidenza della spesa sanitaria sul Pil che desta l’allarme maggiore: nel 2019 crolla al 6,5% cioè al di sotto del livello di rischio per la salute indicato dall’Organizzazione mondiale della sanità. Il colpo assestato al Ssn, e quindi al diritto alla tutela della salute e alle cure, rischia di essere mortale".

11 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us