Salute

Sanità: il pediatra, culle vuote ma mamme a 30 anni più consapevoli

Positivo il dato dell'età della donna al primo figlio per Italo Farnetani, che chiede di ripensare città

Roma, 19 feb. (AdnKronos Salute) - In effetti "i dati diffusi dall'Istat confermano le mie previsioni, con 488 mila nascite nel 2015 (8 per mille residenti), abbiamo quindicimila bebè in meno rispetto al 2014. Mai così male dall'Unità d'Italia". Parola del pediatra Italo Farnetani, che commentando il report dell'Istat all'Adnkronos Salute non manca di leggervi un dato positivo: "L'età media della donna al primo parto è di 31,6 anni: penso che questo si traduca in gravidanze più consapevoli, programmate per offrire ai figli maggiori possibilità, in un momento in cui si è terminato il percorso di studio e si è raggiunta una relativa tranquillità economica. Questo è positivo: a 30 anni le mamme sono più sicure e consapevoli che a 20", dice il pediatra.

Insomma, per Farnetani il fatto di rinviare la gravidanza dai 20 ai 30 anni non costituirebbe di per sé un problema. "A patto di non superare gli 'anta' - precisa - Il punto è che però, anche a 30 anni, sono sempre meno le donne e le famiglie che decidono di fare un figlio. Le coppie giovani hanno bisogno di politiche che semplifichino loro la vita, non basta pagare pannolini e latte. Penso alla questione annosa della carenza di posti negli asili nido, cui per fortuna spesso compensano nonni attivi e volenterosi. Ma oggi - sottolinea - i bambini italiani non hanno più cortili in cui giocare, ecco perché occorre ripensare le nostre città, dotando ogni quartiere di spazi attrezzati, anche al coperto. Strutture ricreative in cui sia possibile fare sport a prezzi accessibili, intervenendo anche nei collegamenti stradali e nei trasporti. Perché molte giovani famiglie oggi optano per i piccoli centri, anche per risparmiare, e devono sobbarcarsi chilometri nel traffico e pochi parcheggi per arrivare in città".

Ecco dunque che le culle sono vuote perché l'Italia ormai non è più un Paese a misura di bambini e giovani genitori, sostiene Farnetani. "Mentre il fatto che le mamme siano più mature è positivo", conclude.

19 febbraio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us