Salute

Sanità: diabete, a 2 anni salva grazie ad acqua e sale

La vicenda al Sacco di Milano, ma la malattia uccide ancora bambini nel nostro Paese

Roma, 24 nov. (AdnKronos Salute) - Emergenza a lieto fine all'ospedale Sacco di Milano per una bimba con diabete, salvata con acqua e sale, dai medici. Non è andata altrettanto bene a un bambino di Genova lo scorso anno. La malattia uccide ancora bambini in Italia. Genitori, insegnanti e medici spesso non riconoscono e non intervengono correttamente contro la chetoacidosi, la grave complicanza con cui si manifesta spesso per la prima volta la malattia diabetica, che provoca lesioni celebrali anche fatali. Un tema affrontato XX Congresso nazionale Siedp, Società italiana di endocrinologia e diabetologia pediatrica, in programma da domani fino al 27 novembre a Roma.

La storia di Giulia è emblematica. "E' una bimba milanese di 22 mesi - spiegano i medici - quando giunge, a fine ottobre, in condizioni di salute gravi presso al pronto soccorso di un ospedale vicino Milano. La bimba è sonnolenta, vomita, il suo stato di coscienza si deteriora progressivamente e il respiro diventa sempre più difficoltoso. I medici nel sospetto di diabete infantile eseguono un esame delle urine e controllano la glicemia: viene confermato il sospetto e quindi decidono di iniziare l’infusione di soluzione fisiologica (acqua e sali) e contemporaneamente insulina per ridurre la glicemia. E’ un errore grave, i due trattamenti devono essere conseguenziali non contestuali, ora c’è pericolo di lesione cerebrale che metterebbe a rischio la vita di Giulia".

Le condizioni della bambina peggiorano rapidamente: a questo punto viene allertato il pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Luigi Sacco dove la bimba giunge in condizioni critiche. "Bisognava fare in fretta, correre", racconta Andrea Scaramuzza, responsabile del servizio di diabetologia, malattie del metabolismo e nutrizione del Sacco. "L'unica terapia - aggiunge il medico - è la somministrazione fisiologica. Abbiamo continuato la reidratazione per 2 ore prima dell'insulina. In questo modo l’organismo ha avuto il tempo per riprendersi gradualmente. Dopo 36 dal suo arrivo al Sacco, avendo seguito con rigore il protocollo terapeutico e le Linee guida recentemente pubblicate da Siedp, Giulia torna ad essere quella bimba sorridente che è sempre stata nonostante la diagnosi di diabete".

"Il pediatra, il personale scolastico, gli educatori, la famiglia - dice Scaramuzza - devono pensarci se un bambino beve troppo rispetto alle sue abitudini e se fa tanta pipì, se riprende a fare pipì di notte, se dimagrisce senza motivo potrebbe avere il diabete e vanno fatti gli esami opportuni. Una volta fatta la diagnosi se si è di fronte ad una chetoacidosi (bimbo sonnolento, rallentato, respiro rumoroso, alito che sa di frutta marcia) vanno seguite le raccomandazioni delle Società scientifiche.

Approcci terapeutici differenti possono mettere il bambino a rischio di danni permanenti, ma anche di vita".

Infatti se la vicenda di Giulia è a lieto fine, non altrettanto può dirsi per un ragazzo che lo scorso anno è morto a Milano per il diabete infantile e lo stesso è accaduto ad un bambino a Genova.

"Negli ultimi anni sono morti in Italia diversi bambini per complicanze del diabete infantile che possono provocare lesioni cerebrali fatali", conclude Mohamad Maghnie, presidente Siedp. "L’edema cerebrale associato alla chetoacidosi si sviluppa generalmente dalle 4 alle 12 ore dopo l’inizio del trattamento di urgenza, anche se ci sono casi in cui si presenta sin dall’esordio o fino a 24-48 ore dall’inizio del trattamento".

24 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us