Salute

Sanità: D'Alema, Ssn verso collasso, serve carburante

Manca personale, niente concorsi e l'età media dei medici è molto alta. Investire per tenerli in Italia

Roma, 9 giu. (AdnKronos Salute) - "Manca il personale, non ci sono più concorsi, l'età media dei medici è molto alta. Insomma, il Servizio sanitario nazionale mi sembra che vada verso il collasso. Serve un piano di investimento sulla salute degli italiani, perché è in atto un deperimento portato alla luce anche dai recenti dati del Censis". Bisogna "mettere del carburante nel Ssn. Se il sistema deperisce, questo demotiva i migliori ad andar via. A Londra vivono censiti 380 mila italiani, la maggioranza giovani e laureati di qualità, spesso medici". Questo il monito di Massimo D'Alema, presidente della Fondazione Italianieuropei, nel suo intervento alla tavola rotonda 'Formazione medica senza barriere' promossa da Consulcesi al ministero della Salute.

"Esportiamo medici perché da noi non trovano spazio - prosegue D'Alema - Quando 11 milioni di italiani, come ha certificato il Censis, rinunciano a curarsi e cresce la spesa per la sanità privata, questo ci dice che il carattere universalistico del Ssn è messo in crisi. Si deve investire di più sul Ssn, facendo selezione su dove investire: formazione e innovazione, due cose fortemente legate. Possiamo insegnare nuove tecniche, ma se poi non le possono sperimentare negli ospedali pubblici, i medici andranno all'estero".

"Il Servizio sanitario nazionale è stato a lungo un fiore all'occhiello - conclude l'ex presidente del Consiglio - Se vogliamo mantenere uno standard elevato, in una situazione in cui l'investimento in sanità tende a ridursi, abbiamo bisogno di medici altamente qualificati. Una condizione anche per una politica intelligente della spesa, per spendere bene ai fini dell'assistenza evitando gli sprechi. E la formazione dei medici è la chiave per evitarli e garantire qualità delle cure".

9 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us