Salute

Sanità: Colombo, settore ad alto rischio corruzione

In generale livelli analoghi ad epoca di 'mani pulite'

Roma, 25 mar. (AdnKronos Salute) - La sanità è "un settore ad alto rischio di corruzione". Si "spendono tanti soldi. E dove ci sono tanti soldi, ovviamente il rischio di corruzione aumenta: purtroppo, nel nostro Paese è quasi fisiologico che dove circola denaro si annidi il fenomeno corruttivo". Lo spiega l'ex magistrato di 'Mani pulite', Gherardo Colombo, durante l'incontro dedicato ai 'Livelli essenziali anticorruzione', organizzato a Roma dall'Istituto per la promozione dell'etica in sanità (Ispe) per proporre un piano d'azione a favore della legalità e della lotta al malaffare nel settore.

L'ex magistrato non ha visto ieri sera la prima puntata della serie televisiva dedicata proprio al famoso pool di Milano, ma si dice convinto che in fondo, da allora, non ci sono stati cambiamenti radicali. "Credo che i livelli di corruzione in Italia - precisa - siano più o meno analoghi rispetto all'epoca di Mani pulite. Cambiano le modalità, cambiano gli ambiti. I finanziamenti illeciti ai partiti, per esempio, sono a un livello decisamente inferiore rispetto a 20 anni fa. Ma la corruzione è altrettanto diffusa. E' spalmata però a tutti i livelli. Noi guardiamo soltanto i vertici: la politica, la pubblica amministrazione, ma è diffusa anche ai livelli comuni, tra la gente".

Per quanto riguarda invece, i provvedimenti in discussione in queste ore al Senato "se passeranno - Dice Colombo - daranno un forte segnale. Si evidenzierà come il Governo e le istituzioni abbiano preso a cuore il problema della corruzione. Ed è un segnale politico forte. Sotto il profilo dell'effettivo contrasto però, a mio avviso, il campo a cui dedicare le maggiori energie è quello dell'educazione". Aumentare le pene? "Bisogna anche che le pene vengano applicate. E poi è dimostrato che la pena non è educativa. Il 70% di chi passa per il carcere commette nuovi reati. Sarebbe molto importante, inoltre, munire gli investigatori di strumenti e di organizzazione adatta ad arrivare a scoprire i reati corruttivi", ha concluso Colombo.

25 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us